venerdì 21 Gennaio 2022
1.9 C
Venezia

Da fuoco alla compagna di 24 anni davanti ai due figli piccoli

HomeCronacaDa fuoco alla compagna di 24 anni davanti ai due figli piccoli

Da fuoco alla compagna di 24 anni davanti ai due figli piccoli

Un’altra donna bruciata viva. Prima un litigio, poi lui in un raptus, incurante dei figli di uno e tre anni che assistevano alla scena, le ha dato fuoco, dopo averle gettato addosso liquido infiammabile.

La giovane donna, una 24enne romena, è ora ricoverata nel reparto Grandi ustionati dell’ospedale ‘Perrino’ di Brindisi. Ha ustioni in tutto il corpo di secondo e terzo grado. E’ in prognosi riservata.

Il suo compagno, un coetaneo della stessa nazionalità, Alexandru Edec Ionut, è stato arrestato dai carabinieri. Tutto è avvenuto nella loro abitazione, a Tuglie, in provincia di Lecce.

In un primo momento, la giovane donna ha tentato di sminuire la gravità dei fatti cercando – secondo gli investigatori per una sudditanza psicologica – di attribuire il tutto ad una causa di natura accidentale, un misterioso incidente domestico avvenuto in casa, ma poi, con il passare delle ore, in lacrime, ha raccontato tutto quello che era realmente avvenuto nell’appartamento sabato sera, e domenica mattina i carabinieri hanno arrestato il 24enne, già noto alle forze dell’ordine per furto ed altri reati contro il patrimonio.

La tesi dell’incidente domestico è crollata quando la vittima si è resa conto che i carabinieri non le credevano e che sarebbe stato inutile continuare a mentire. Ha quindi raccontato anche una serie di episodi di soprusi e di violenza di cui era vittima da lungo tempo.

L’aggressione è avvenuta nella casa dove viveva la famiglia, in via Cairoli: la coppia ha litigato, come spesso avveniva e, ancora una volta, il litigio è avvenuto davanti ai figli piccoli. Poi lui ha cosparso la ragazza di alcol e ha appiccato il fuoco.

Forse il 24enne si è accorto della gravità di quello che aveva appena fatto, forse è stato il pianto dei bambini, certo è che Alexandru Edec Inout ha visto il fuoco che avvolgeva la sua compagna e ha chiamato i carabinieri che sono subito intervenuti insieme agli operatori del 118.

La donna è stata soccorsa e accompagnata d’urgenza all’ospedale di Brindisi. E’ stato il ‘pentimento’ del suo stesso aguzzino a salvarla: ancora qualche minuto e le fiamme l’avrebbero uccisa.

Una volta arrivata in ospedale è stata ascoltata dai carabinieri ai quali ha detto di essere stata vittima di un incidente domestico ma i particolari del racconto non coincidevano e i carabinieri non le hanno creduto. Probabilmente la giovane donna temeva possibili vendette da parte del compagno, ma poi ha raccontato tutto facendo così arrestare il 24enne che dovrà rispondere di lesioni gravi.

Il pm di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, Stefania Mininni, ha disposto la reclusione del 24enne.

Redazione | 04/07/2016 | (Photo d’archive) | [cod violedo]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

No Vax passano alle minacce: lettera con proiettile a dottoressa di Padova

No Vax passano alle minacce: l'immunologa Viola a Padova finisce sotto scorta a causa di una lettera con proiettile. C'è grande riserbo dagli inquirenti ma si è saputo che la lettera di minacce No vax conteneva un proiettile ed è stata...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"