8 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Coronavirus Venezia: a dicembre il doppio dei morti. Addio a lidense di 64 anni

HomeCoronavirus VeneziaCoronavirus Venezia: a dicembre il doppio dei morti. Addio a lidense di 64 anni
la notizia dopo la pubblicità

Coronavirus nel Veneziano: dicembre si conferma il mese peggiore, tanto che ha surclassato il precedente che prima appariva quello con più record negativi. Dicembre sta per confermare un numero di morti doppio rispetto a novembre.
Nelle ultime 24 ore Venezia e provincia hanno registrato 614 nuovi positivi. Un numero incredibilmente alto e addirittura in crescita, se si pensa che veniamo da giorni di simil-lockdown. Ieri erano stati 590.
Gli attualmente positivi sono così risaliti a quota 12.444. Ieri erano stati 12.067.
Crescono anche i ricoveri, arrivati ora a 598 con un aumento di altre 19 persone ospedalizzate nell’ultimo giorno.
68 le persone in terapia intensiva. Infine il dato più sconfortante: i morti.
Dopo aver sperato in una tregua ieri in cui avevamo contato “solo” 11 morti, il virus rialza

la testa portando via altre 16 vite a Venezia e provincia.
Tra le vittime il virus ha portato via anche un lidense conosciuto e stimato in isola.
Guido Friselle aveva 64 anni ed era un uomo forte con un fisico da vero sportivo. Sua la palestra in via Tiro.
Purtroppo quella che pareva una banale influenza è improvvisamente peggiorata e l’uomo è stato ricoverato sabato 19 dicembre, prima al Civile di Venezia, poi al centro di Dolo. Domenica 27 se ne è andato, nonostante la terapia intensiva.
Guido Friselle lascia un grande vuoto nella famiglia, negli amici e nella comunità lidense, dove tutti lo ricordano come una persona attiva e disponibile, con sani principi e buoni sentimenti.
La data del funerale non è ancora stata fissata.

(Rip.)
Coronavirus nel Veneziano: dicembre si conferma il mese peggiore, tanto che ha surclassato il precedente che prima appariva quello con più record negativi. Dicembre sta per confermare un numero di morti doppio rispetto a novembre.
Nelle ultime 24 ore Venezia e provincia hanno registrato 614 nuovi positivi. Un numero incredibilmente alto e addirittura in crescita, se si pensa che veniamo da giorni di simil-lockdown. Ieri erano stati 590.
Gli attualmente positivi sono così risaliti a quota 12.444. Ieri erano stati 12.067.
Crescono anche i ricoveri, arrivati ora a 598 con un aumento di altre 19 persone ospedalizzate nell’ultimo giorno.
68 le persone in terapia intensiva. Infine il dato più sconfortante: i morti.
Dopo aver sperato in una tregua ieri in cui avevamo contato “solo” 11 morti, il virus rialza

la testa portando via altre 16 vite a Venezia e provincia.
Tra le vittime il virus ha portato via anche un lidense conosciuto e stimato in isola.
Guido Friselle aveva 64 anni ed era un uomo forte con un fisico da vero sportivo. Sua la palestra in via Tiro.
Purtroppo quella che pareva una banale influenza è improvvisamente peggiorata e l’uomo è stato ricoverato sabato 19 dicembre, prima al Civile di Venezia, poi al centro di Dolo. Domenica 27 se ne è andato, nonostante la terapia intensiva.
Guido Friselle lascia un grande vuoto nella famiglia, negli amici e nella comunità lidense, dove tutti lo ricordano come una persona attiva e disponibile, con sani principi e buoni sentimenti.
La data del funerale non è ancora stata fissata.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Ma io davvero non capisco : perché ancora così tanti morti dopo 3 mese di misure per contenere la pandemia?
    C’è la ualcosa che mi sfugge…

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...
spot

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...
Advertisements

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...