Coronavirus, a Jesolo gli immigrati rifiutano il tampone: intervento delle forze dell’ordine

ultimo aggiornamento: 01/08/2020 ore 08:53

1485

foto Facebook: forze dell'ordine jesolo.
foto Facebook: forze dell’ordine jesolo

Tamponi agli immigrati nella sede della Croce Rossa a Jesolo, alcuni si rifiutano e intervengono le forze dell’ordine.

La notizia arriva dal direttore generale dell’Ulss 4 Veneto Orientale, Carlo Bramezza, che si è recato un paio di ore fa, venerdì 21 luglio, sul posto e ha poi postato alcune immagini sul suo profilo facebook scrivendo un post. Sono infatti in corso i tamponi per verificare le condizioni di salute degli ospiti della sede a Jesolo, ovvero se siano positivi al covid-19.

“In questo momento – scrive Bramezza – nella sede della Croce Rossa Italiana di Jesolo il personale del dipartimento di prevenzione sta facendo l’ultima tornata di tamponi agli immigrati che sono (salvo nuove positività) al termine del periodo di isolamento”.

Operazioni delicate che però vengono anche ostacolate da alcuni stranieri che si rifiutano di fare il tampone e gli operatori dell’Ulss, con tutte le precauzioni del caso, la delicatezza e i timori della situazione, stanno cercando di convincerli a fare il test per verificarne l’effettivo stato di salute.

“Il tutto con non poca difficoltà – scrive Bramezza riguardo ai tamponi – dato che alcune fazioni di immigrati non vogliono farlo. Con l’aiuto delle forze dell’ordine il personale dell’Ulss sta cercando di fargli cambiare idea”.

G.P.

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Una persona ha commentato

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here