7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Consiglio Comunale di Venezia stacca la spina

HomeNotizie Venezia e MestreConsiglio Comunale di Venezia stacca la spina
la notizia dopo la pubblicità

Consiglio Comunale di Venezia stacca la spina

Ci sono volute ben quasi dieci ore per arrivare all’obiettivo: togliere la spina al consiglio comunale di Venezia, travolto dall’onda lunga dello scandalo del Mose.
I lavori dell’ultima seduta di lunedì 23 a Cà Loredan si sono conclusi intorno alle 22 con la presentazione, in contemporanea, delle dimissioni da parte di 24 consiglieri di maggioranza, che hanno, di fatto, decretato la decadenza dell’intera assemblea municipale.
E’ stato l’ultimo atto e l’ultima pagina di storia di questo capitolo di governo di Venezia che ha visto andare in scena una seduta accesa e turbolenta, spesso interrotta dal pubblico che urlava (“dimissioni”, “a casa… a casa…”, “andate a lavorare”).
Tra la gente che assisteva anche Sebastiano Costalonga di “Fratelli d’Italia”, ex consigliere già dimessosi alcuni giorni fa, che è stato allontanato dai vigili ma è riuscito comunque a far arrivare il suo messaggio (“Vergogna” e “Siete tutti dentro…”).

C’è stata comunque intesa per questione tecniche che hanno permesso di affrontare le urgenze: l’approvazione del rendiconto di gestione per l’esercizio 2013, che ha messo al riparo l’amministrazione dal rischio di sforamento del patto di stabilità.

Infine, quasi come atto simbolico, il consiglio comunale ha approvato una mozione per chiedere a governo e parlamento l’immediata costituzione di una commissione d’inchiesta parlamentare sulle attività del Consorzio Venezia Nuova, il superamento dell’attuale struttura del Magistrato alle acque e il trasferimento delle competenze al Comune, lo scioglimento del Consorzio e l’affidamento della supervisione e del controllo sui cantieri aperti a una authority indipendente.

L’assemblea di Ca’ Farsetti ha anche annunciato la costituzione di parte civile dell’amministrazione comunale “nei procedimenti in corso per corruzione, concussione e riciclaggio, finalizzata anche al recupero delle ingenti risorse economiche sottratte alla salvaguardia e alla rivitalizzazione socio-economica della città”.

Paolo Pradolin

[24/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...
spot

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".
Advertisements

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...