martedì 18 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

Cina abolirà pc e software stranieri entro il 2022

Home5GCina abolirà pc e software stranieri entro il 2022

La Cina abolirà pc e software stranieri, è la risposta al sabotaggio commerciale Usa verso la tecnologia di Huawei.
Microsoft? Il sistema operativo Windows? Stop! Ma anche l’Iphone dovrebbe diventare fuorilegge. Intanto in tutti gli uffici pubblici e i servizi di Stato, poi si vedrà.

Non è uno scherzo o una cosa da prendere sottogamba: la Cina ha ordinato la rimozione “di computer e software stranieri entro il 2022”, in risposta al boicottaggio degli Stati Uniti contro la tecnologia dei campioni del Dragone, a cominciare da Huawei e dal suo network 5G.

In controtendenza rispetto ai propositi di apertura espressi a più riprese, Pechino ha sollecitato “gli enti pubblici ad adottare kit nazionali”, assestando così un duro colpo ad Hp, Dell e Microsoft, tra i testimonial e i principali beneficiari di attività che, nelle stime degli analisti di Jefferies, producono ricavi in Cina pari a circa 150 miliardi di dollari annui, in gran parte però generati dal settore privato.

L’editto del governo cinese, di cui ha dato conto il Financial Times, ha ragionevolmente avuto l’input dell’Ufficio centrale del Partito comunista cinese e sostiene con forza lo sviluppo delle tecnologie domestiche seguendo un piano graduale, ma serrato, denominato “3-5-2”: un primo taglio del 30% entro il 2020, un secondo del 50% nel 2021 e la parte residua del 20% nel 2022.

L’amministrazione di Donald Trump ha preso di mira il colosso delle tlc di Shenzhen (assieme alla più piccola ZTE e ad altre società) sia vietando la vendita dei suoi prodotti negli Usa sia avviando una moral suasion sugli alleati, a partire dall’Europa, per evitare che si affidino alle reti della nuova generazione dell’Internet ultra-veloce del gruppo fondato da Ren Zhengfei.

Se da un lato, quindi, c’è la volontà di Pechino di dare più spazio ai campioni nazionali, dall’altro c’è l’obiettivo di avere tecnologie “sicure e controllabili” sul fronte domestico in funzione dell’autosufficienza e del rispetto dei requisiti della Cyber Security Law del 2017.

La misura è destinata ad alimentare i timori di ‘decoupling’, sulla rottura della filiera di produzione e distribuzione che lega attualmente Usa e Cina.

Gli uffici governativi tendono già ora a dotarsi di computer Lenovo, il colosso nazionale diventato globale dopo l’acquisto della divisione pc da Ibm, ma il vero punto sono i software a causa delle scarse alternative interne, tutte schiacciate dalla diffusione dei sistemi operativi Usa, da Windows di Microsoft a macOS di Apple.

Il gruppo di Redmond, tra l’altro, ha sempre più personalizzato la sua offerta in Cina fino a produrre nel 2017 la ‘Chinese Government Edition’ del suo Windows 10. Mentre sistemi operativi cinesi come Kylin OS hanno ecosistemi con sviluppatori più limitati nei software compatibili.

Resta da determinare poi l’impatto sul settore privato dell’ambizioso piano del governo centrale, in termini di adesione alle nuove direttive.

Intanto la Cina ha espresso la speranza di una soluzione del contenzioso sul commercio con gli Usa il prima possibile, facendo leva su uguaglianza e mutuo rispetto.

Ren Hongbin, assistente del ministro del Commercio, ha affermato in una conferenza stampa a Pechino che i rapporti sino-americani sono sempre stati di “reciproco beneficio” sulla cooperazione economica e commerciale.

Il 15 dicembre, in mancanza di sviluppi, Trump ha detto di voler applicare i dazi aggiuntivi sull’import di oltre 100 miliardi di dollari di beni made in China.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Da lunedì niente mezzi senza Super green pass: la rabbia dei residenti delle isole

Cattive nuove per gli abitanti nelle isole della laguna sprovvisti di Super green pass: da lunedì non potranno salire sui mezzi di trasporto. Vivere in un’isola e non poter salire sui mezzi di trasporto per recarsi al lavoro, andare a scuola, o...

Amira Willighagen: il video della bambina di 9 anni che fa sbiancare i giudici di Holland got talent

Amira Willighagen è una bambina olandese assolutamente normale, se non fosse per il fatto che ha un dono eccezionale, e il video qui sotto lo sta a dimostrare. Per lei si sono scomodati i più famori critici internazionali, e c'è chi addirittura...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 16 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente conosci i nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del mattino. 365...

Capodanno 2022 a Venezia e divieti: feste private con balli fino al mattino

“La serata continuerà fino alle 4:00”, “festa open bar dopocena”, “Dj set dance, revival, house”: con questi e altri slogan vengono pubblicizzati i vari party di Capodanno in programma nei palazzi e negli hotel di Venezia. Nonostante la “stretta” del Governo che...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...