lunedì 17 Gennaio 2022
2.6 C
Venezia

Dava da bene ai clienti anche in orari vietati per il Covid: chiuso bar di Mestre

HomebarDava da bene ai clienti anche in orari vietati per il Covid: chiuso bar di Mestre

Nei primi giorni del mese di dicembre 2020, quando le restrizioni predisposte per il contrasto alla diffusione dell’epidemia da Covid19 erano nel pieno, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mestre, nel corso dei servizi di controllo del territorio dedicati anche alla verifica del rispetto delle specifiche norme, contestavano al gestore del bar all’insegna “Wine Bar” di via Olivi a Mestre, cittadino del Bangladesh, proprio la violazione delle norme specifiche.
In particolare, le disposizioni emanate in quel periodo imponevano che le attività commerciali chiudessero alle ore 18.00.
Il controllo dei militari, avvenuto ben oltre tale orario limite, consentiva di verificare che all’interno del locale vi fosse ancora la presenza di numerose persone intente alla consumazione di bevande, contestando quindi al titolare le specifiche contravvenzioni.

Alla fine del mese di febbraio, durante un passaggio nei pressi dell’attività commerciale precedentemente sanzionata, i Carabinieri, potevano nuovamente constatare che l’attività era nuovamente aperta nonostante la tarda ora in violazione delle prescrizioni imposte in tema di chiusura.
L’esercente in tal caso, appena notata l’auto dei militari dinanzi al locale, nella consapevolezza di essere in torto per la seconda volta, faceva frettolosamente allontanare i clienti che si trovavano all’interno dell’esercizio e nelle immediate vicinanze a consumare, barricandosi all’interno dell’attività dopo aver abbassato le saracinesche, nel vano tentativo di non essere nuovamente contravvenzionato.
Il gesto dell’uomo, al fine di evitare una nuova contestazione immediata in loco, non ha tuttavia impedito ai Carabinieri di poter procedere comunque alla contestazione con notifica eseguita nei giorni successivi.

Sulla base delle comunicazioni puntualmente inviate poi agli organi competenti, nella mattinata odierna, i Carabinieri del NORM della Compagnia di Mestre si sono nuovamente presentati in via Olivi, apponendo questa volta direttamente i sigilli per la chiusura dell’attività commerciale, provvedimento della durata di dieci giorni, a seguito della specifica ordinanza emessa dalla Prefettura di Venezia in relazione alle reiterate violazioni commesse precedentemente.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...