4.8 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Carnevale di Venezia, quando anche il sito ufficiale ammette che è per il turista

HomeUncategorizedCarnevale di Venezia, quando anche il sito ufficiale ammette che è per il turista
la notizia dopo la pubblicità

Il Carnevale di Venezia porta con se’ una diatriba intrinseca: da anni viene accusato di essere una rassegna messa in scena per attirare il turista. Di essere, insomma, una kermesse in grado di tirare su gli arrivi in un periodo invernale in cui il turismo oppressivo e soffocante rallenta e fa respirare la città con i suoi abitanti.

L’attività turistica a Venezia è diventata una forma di monocultura economicamente imperante, che ha talmente stroncato artigianato e ‘sociale’ che i residenti che non se ne sono ancora andati vengono spesso considerati un fastidio. Ciò ormai fa parte del bagaglio umano che ogni veneziano deve portare appresso, con la parziale consolazione che quando si lamenta di ciò le istituzioni si affrettano normalmente a smentire.

Ma quando ormai organizzatori e amministratori pubblicano apertamente una delle iniziative più importanti della città in internet direttamente con le indicazioni per il turista, significa che non si vuole proprio più salvare neanche le apparenze, abbandonando quella filosofia del pubblico forse un po’ ipocrita che fingeva di avere in considerazione anche il residente.

Questo è il sito ufficiale del Carnevale di Venezia 2014 pubblicato in internet, con tanto di programma approvato dall’amministrazione.
Sottotitolo: “programma quotidiano ed informazioni utili per il turista”.

Scusate… e i veneziani? Il programma magari non sarà rivolto a loro, ma lo possono consultare anche loro?
C’è un altro sito per i residenti?
No, non c’è.

In fondo si tratta di una tacita conferma che le proteste degli abitanti degli ultimi anni avevano un senso: il Carnevale è diventato un’occasione per vendere pacchetti turistici, difatti, da anni, il suo successo si misura in numero di arrivi, non in qualità o gradimento. E allora rassegnamoci a piazze o luoghi storici ridotte a discoteche all’aperto, alle feste private nei palazzi a pagamento dove il vip arriva e riparte, alle calli intasate di giorno e piene di liquidi organici le mattine seguenti.

Al professor Rampello, direttore artistico della kermesse, a tutta la sua organizzazione, agli amministratori locali, vorremmo comunque mandare un messaggio:

il Carnevale di Venezia nasce attorno al 1100 come periodo legato ai divertimenti pubblici. Era il momento ritenuto più importante per i veneziani, per la gente. Era l’unico periodo dell’anno in cui i cittadini potevano festeggiare risollevando il morale dalle stringenti norme della Repubblica di Venezia, secondo il modello ‘panem et circenses’. Agli abitanti di Venezia, soprattutto ai più umili, veniva concesso un periodo dedicato al divertimento e ai festeggiamenti, in cui, attraverso l’anonimato di maschere e costumi veniva concessa la burla anche ai danni di autorità e aristocrazia.

A voi che affermate sempre pubblicamente che lavorate nel rispetto delle tradizioni storiche vorrei chiedere: di quello spirito e di quelle premesse, nel ‘programma quotidiano ed informazioni utili per il turista’ quanto è rimasto?

Monica Manin

[02/02/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

6 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Ora siamo nel 2016 e niente è cambiato,anzi è peggiorato.Residenti pochi e quei pochi per la maggioranza anziani.Quadi tutto l’anno orde di turisti per lo più senza soldi da spendere e cj ed producono solo sporco e spazzatura nel completo non rispetto per la città.Mi auguro che l’Unesco ci tolga dalla lista dei siti patrimonio dell’umanità ce lo meritiamo!!

  2. A me il carnevale di Venezia è sempre piaciuto e mi son sempre divertito. Per quelli che lo criticano perché non provassero a far loro qualcosa per migliorarlo, e poi bisognerebbe qualche volta saper apprezzare quello che si ha. Se un carnevale del genere lo avessero i francesi…

  3. Classe e fantasia il carnevale di venezia degli ultimi anni??
    Ma cosa dice questo qua..
    va a vedere quante mamme portano i bambini alla biennale per carnevale e chiedi in giro se la gente è contenta..

  4. Oggi in carnevale di Venezia è rivolto al mondo intero questo avviene da quando negli anni ’80 Maurizio Scaparro ripropose il Carnevale moderno col coinvolgimento, allora, sopratutto di italiani che parteciparono con grande slancio a questa festa popolare riproposta. Prima di Lui il carnevale era una manifestazione poco sentita e partecipata. Da Veneziano trovo che le proposte che troviamo a Carnevale sono per tutti quelli che vogliono scordare per un breve periodo i problemi che oggi noi tutti dobbiamo affrontare. Non è più il carnevale dei soli Veneziani ma il carnevale del mondo intero. quello di Venezia è unico ed inimitabile. raffrontiamolo con i carnevali del mondo intero quello di Venezia è quello che si eleva per classe e fantasia dai tratti raffinati e originali.
    La festa di cannaregio con la partecipazione delle barche tradizionali veneziane. Le Marie, il volo dell’angelo le feste tra le calli e campielli e le sfilate delle maschere in “piassa”.le feste nei palazzi, le feste per i bambini alla biennale ed altro ancora. io trovo tutto molto bello ed emozionante e sono sicuro che il prossimo carnevale sarà migliore ancora. grazie di avermi dato lo spazio per esprimere il mio apprezzamento al carnevale di venezia.

  5. Gentile sig.ra Manin,
    le critiche e le proposte sono sempre ben accette e per quanto possibile facciamo sempre tesoro delle stesse.
    Nel caso specifico quanto riportato è frutto delle stringa di ricerca Google. E’ indubbio che il sito del Carnevale ha una utenza sia di residenti che di ospiti della città. Nel caso specifico l’informazione dei contenuti del programma è per tutti mentre agli ospiti della città è dedicata la sezione info Venezia.
    Il Carnevale, cosi come tutte le manifestazioni tradizionali, hanno avuto una trasformazione nel corso degli anni conseguente alla trasformazione del tessuto cittadino stesso. Le confermo la priorità di offrire, con particolare riferimento al programma culturale (con un apposita sezione del sito), alla Festa Veneziana del 15 e 16 febbraio sul Rio di Cannaregio, al programma dell’Arsenale nella settimana grassa, un offerta fortemente dedicata alla cittadinanza cosi come con il programma di manifestazioni su tutto il territorio comunale, dal Lido a Burano a tutta la terraferma in collaborazione con le rispettive Municipalità.
    La prego di voler consultare il sito carnevale.venezia.it e rimango a disposizione per approfondimenti.
    Cordiali Saluti
    Fabrizio D’Oria
    Dirigente Vela spa

  6. Venezia e i suoi abitanti non sono più quelli di una volta. Altrettanto dicasi per la burla concessa ai tempi della Serenissima. Ora si burla tutto l’anno, ed i primi a burlare sono proprio le cosidette “Autorità” ! Ergo, quei ormai pochi abitanti sopravissuti sono e saranno sempre di più al servizio del dio denaro. Inutile illudersi.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...