Camionista saltava riposo obbligatorio da 4 giorni, con la calamita truccava tachigrafo

ultimo aggiornamento: 08/08/2015 ore 20:03

175

camionista saltava riposo obbligatorio trucco calamita

Agli agenti della Polizia Locale di San Donà che lo hanno fermato alle 9,40 in via Martiri delle Foibe, sulla variante della S.S. 14, è subito apparso stremato dalla fatica. Un rapido controllo al tir che conduceva ha svelato il motivo.
Il cronotachigrafo digitale era stato manomesso con una calamita (vedi foto), per indicare pause di riposo che non erano mai avvenute. E il camion era in giro da quattro giorni senza aver mai fatto una sosta tale da consentire all’autista, 46enne, di dormire.

«Il mezzo aveva appena scaricato nella zona industriale di Ceggia e stava andando a caricare a Treviso – spiegano gli agenti della Polizia Locale che hanno proceduto a rilevare l’infrazione – L’autista era visibilmente stanchissimo ed ha immediatamente ammesso, quasi tra le lacrime, di non aver rispettato i turni di riposo».


Gli è stata comminata una sanzione di 1696 euro, già pagata brevi manu, oltre al ritiro della patente. La licenza di guida è stata inviata alla Prefettura che deciderà una sospensione tra i 15 e i 30 giorni.

«Il camionista aveva già pronti i soldi in contanti, indice che si aspettano sanzioni del genere – aggiungono dal Comando di Polizia Locale – La soddisfazione è aver tolto dalla strada, in periodo di esodo, il rischio altissimo che può provocare una persona così stanca alla guida. Inoltre interventi del genere contrastano probabili forme di sfruttamento cui sono oggetto conducenti costretti a orari disumani».

08/08/2015


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here