COMMENTA QUESTO FATTO
 

calcio grandi emozioni i grandi del passato

Con la compilazione dei calendari la stagione 2015/2016 può dirsi ufficialmente cominciata.

Dirette televisive e commenti degli interessati sulle difficoltà o meno del cammino delle varie squadre, al grido di “chi ben incomincia è a metà dell’opera”.

Frase vera solamente in parte dato che comunque tutti devono incontrare tutti. Questo discorso si può fare quando rose già collaudate da anni sfidano i club che hanno cambiato tanto durante l’estate; sia nei giocatori che nella guida tecnica.

Ormai ci siamo, tra meno di un mese il baraccone calcio prenderà il via e il tifoso italiano potrà gioire, soffrire e soprattutto commentare e discutere. Litigare, insultare e minacciare, uno degli sport “virtuali” preferiti dagli italiani.

Ci sono infatti anche gli Ultras passivi, coloro che probabilmente mai andrebbero a creare tafferugli e risse allo stadio ma sfogano il loro odio per i colori avversari con un’arma altrettanto pericolosa: la tastiera.

Nei siti, nei forum e nelle pagine facebook di calcio, è oramai diventato impossibile esprimere una propria opinione senza essere attaccato, deriso e insultato. Nemmeno esprimere una preferenza su un giocatore è esente da sberleffi. Insomma, preferire Ronaldo a Messi è un grave affronto… Un crimine.

Bollare il web e le sue chiacchiere come il corrispettivo virtuale del Bar Sport è riduttivo e soprattutto pericoloso. E’ proprio dietro la protezione di un Pc che chiunque si può sentire libero di esprimere la propria idea e soprattutto ci si sente impuniti nel lanciare insulti.

Il proprio pensiero va sempre espresso e la libertà da questo punto di vista è e deve restare totale ma quando si arriva all’attacco personale (inteso come insulto o vera e propria minaccia) e che si arrivi alla discussione al litigio per questioni serie (ad esempio politiche, anche se di serio è rimasto ben poco) si può capire con difficoltà. Ma quando l’argomento è il calcio o comunque lo sport in generale no, quello non è più comprensibile e giustificabile.

Il Calcio in Italia è purtroppo una fede e non un divertimento, un credo per cui vale la pena combattere, arrabbiarsi e litigare.

Eccolo il problema, non essere in grado di considerare il calcio per quello che è: uno sport.

E lo sport dovrebbe, anzi deve essere emozione, come lo è la vita di Arpad Weisz (nella foto grande), un allenatore ungherese capace di vincere con l’Inter e con il Bologna, in grado di dare una lezione di calcio agli inglesi del Chelsea in casa loro. Per poi sparire ad Auschwitz perché ebreo, ed essere dimenticato

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here