martedì 18 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

Brunetta, se non ci fosse bisognerebbe inventarlo

HomeLettereBrunetta, se non ci fosse bisognerebbe inventarlo

Il ministro Brunetta, ha snobbato una “precaria” comunista da 1800 euro al mese, ed apriti cielo, il castiga fannulloni più noto d'Italia è stato mediaticamente aggredito da chi ha scambiato il posto fisso per un diritto divino.
Quello che l'italiano medio ignora, è che il termine precario è stato inventato di sana pianta da una lobby culturale che ha scambiato le casse dello stato, per delle grosse mammelle da mungere sino all'essicazione.


In Italia, probabilmente memori della vecchia scuola sovietica, i sindacati, i partiti di sinistra e certune aree stataliste che si annidano persino nel centro destra, usano le risorse dello stato alla stregua di un ammortizzatore sociale finalizzato a creare occupazione a prescindere dalla produttività  e dall'utilità  sociale e pubblica.
Nulla di strano quindi se l'Italia è l'unico paese al mondo con 3,6 milioni di dipendenti statali.

Nulla di strano quindi se la scuola pubblica ha pensato che quattro insegnanti siano meglio di uno.
Nulla di strano quindi se la pubblica amministrazione s'è inventata migliaia di profili professionali socialmente inutili.
Nulla di strano quindi se le grandi aziende pubbliche e private abbiano ideato i call center e assunto migliaia di incompetenti.

E' vero solo in parte che i cosiddetti precari siano vittime del sistema Italia, vale a dire un mercato del lavoro ingessato da vincoli burocratici e contribuzioni onerose che ne impediscono la flessibilità , o meglio, la possibilità  di cambiare facilmente professione. Il problema principale sta nella testa degli italiani, che a differenza degli stranieri, essendo “contagiati” dal mito del posto fisso, non riescono a concepire che un lavoratore nel corso della vita, possa cambiare più volte lavoro.

A prescindere dal condizionamento indotto da certuna cultura statalista assistenzialista, i precari, con le loro lamentale quotidiane, dimostrano di essere senza ambizioni e aspirazioni. Invece di mettersi a studiare per anelare a qualifiche più allettanti, o di migrare all'estero ove gli sbocchi professionali sono senz'altro migliori di quelli italiani, se ne stanno a piangere tutto il giorno o a inveire contro chi vorrebbe smantellare un sistema di privilegi e di caste che solo i lavoratori italiani godono. Sino a che lo stato non applicherà  il criterio della meritocrazia, imboscati, fannulloni e scansafatiche, continueranno a rubare il futuro dei precari, talvolta non meno colpevoli dei loro privilegiati colleghi.
Se Brunetta non esistesse, bisognerebbe inventarlo.

Gianni Toffali Verona

[19 giugno 2011]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Polmonite Bilaterale da Covid, ricoverata in rianimazione. Ha sette mesi

A sette mesi ha il Covid ed è ricoverata in rianimazione. Alla piccola viene assicurata la migliore assistenza possibile, per questo è stata trasferita dalla Calabria a Roma. La piccola ha soli sette mesi ed è ricoverata in terapia intensiva perché contagiata...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...

Ponte della Costituzione scivoloso, altri lavori. Amore-odio dei veneziani per il Ponte di Calatrava

Ancora guai per il Ponte della Costituzione progettato dall’architetto Santiago Calatrava, che tanto ha fatto discutere i cittadini veneziani, che hanno prima incontrato e poi vissuto gli effetti di un’opera che è costata 11 milioni di euro. Il Ponte era entrato nell’immaginario...

Venditori abusivi e forze di polizia, il dibattito dei nostri lettori

Questo articolo qui sotto ha avuto la capacità di aprire un acceso dibattito tra alcuni nostri lettori in merito alla questione dei venditori ambulanti abusivi a Venezia. Tutte le posizioni sono rispettabili e dettate da valutazioni personali di logica e di coscienza...

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...

“Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Lettere

In risposta alla lettera “Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Mi si spezza il cuore ogni volta che vado a Venezia. La mia città dove sono nata e cresciuta e che amo profondamente. Vivo in terraferma da...

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...