mercoledì 19 Gennaio 2022
8.5 C
Venezia

Quando il branco violenta una ragazza: la vicenda dei calciatori veronesi. Di Andreina Corso

HomeViolenza sessualeQuando il branco violenta una ragazza: la vicenda dei calciatori veronesi. Di Andreina Corso

Verona. Quando gli uomini si fanno branco e violentano una ragazza. La vicenda sarà ricostruita davanti ad un giudice, ma cosa c'è da vantarsi in quei trofei in cui hanno fotografato e fatto video ad una ragazza che aveva bevuto?

Scusino i lettori, la trasgressione letteraria: urge consultare il vocabolario.
Branco: gruppo numeroso di animali della stessa specie, per esempio, un branco di gazzelle o di pecore a illuminare l’occhio che ci fa accettare benevolmente questa parola. Ci voleva l’uomo per rovinarla, per rendere spregiativa quella parola che ci riportava all’Arcadia, alla regione greca, favoleggiata dai poeti bucolici, in uno scenario di vita idillica.
La vicenda del branco che riportiamo, ha due protagonisti: una ragazza violentata e il branco, questa volta composto da un gruppo di uomini(?), giovani calciatori nel numero di cinque che dopo aver fatto bere a dismisura la ragazza, stuprata e fotografata, ripresa con la videocamera, questi eroi del branco pensavano di farla franca.
Ma sì, cosa volete che sia ai giorni nostri, una bella serata, una violenza di gruppo e la ragazza in quanto incosciente e in semicoma alcolico, era consenziente! Ubriaca com’era, non si è ribellata, anzi, si divertiva.
Ecco spiegata la seconda definizione di branco: gruppo di persone, per lo più facinorose o poco raccomandabili, fastidiose, un branco di farabutti; conformarsi, adeguarsi alle idee della maggioranza.
Dal dizionario: nessuno si senta offeso.

I cinque giocatori della Virtus Verona, ora imputati per quella violenza esercitata i primi mesi dell’anno scorso, dovranno rispondere ed essere giudicati per l’accusa di stupro che ancora una volta viene esercitata sul corpo di una ragazza, vittima di una ferocia che quella notte ha gettato tra i rifiuti la civiltà, così come si getta un pallone bucato fuori campo.
Durante l’udienza preliminare che si è svolta a porte chiuse, la vittima, accompagnata dall’avvocato Federico Lugoboni, ha ripercorso in silenzio l’orrore di quella notte. E per quel che non è più riparabile, visto il danno morale, il suo legale rivendica un risarcimento economico per danno patrimoniale e non patrimoniale la cui quantificazione è di 100mila euro, 75 dei quali da versare immediatamente.

I calciatori, che non si sono presentati all’udienza, hanno respinto le accuse e sportivamente hanno confermato che la ragazza era consenziente e che hanno trascorso insieme una bella serata.
Insomma, cosa c’è di strano se una giovane donna viene abusata, da un gruppo di giocatori di calcio poco più che ventenni?
Lo spiegheranno nell’udienza di ottobre che si svolgerà con rito abbreviato, come richiesto dai difensori degli imputati, che se saranno condannati potranno usufruire di uno sconto di un terzo pena.

Ma quante facce ha la verità? La giudice Paola Vacca avrà il penoso compito di ripercorrere gli effetti del danno subito dalla ragazza, una ferita che le ha devastato la vita, turbato il sonno, impedito di studiare e soprattutto la paura di uscire e di subire nuove delusioni e violenze da parte dei coetanei. 

Quest’orribile storia, oltre all’indignazione, ripropone l’ennesima storia di violenza sulle donne.

E poi quell’interrogativo: come fanno dei ragazzi che giocano in una squadra di calcio, Virtus, addirittura Virtù (è un costrutto sociale relativo alla cultura di riferimento, che incarna la disposizione d’animo volta al bene, la capacità di una persona di eccellere in qualcosa, di compiere un certo atto in maniera ottimale, di essere virtuoso come “modo perfetto d’essere”), dove l’esercizio della correttezza e della lealtà sportiva è d’obbligo ed è anche più importante della vincita o della perdita di una partita.


 

Come fanno ad approfittare di un corpo femminile, di una loro amica, all’unisono? E poi, come fanno a divertirsi a fotografare l’orrore? Perché neppure un briciolo di pietà è entrato nella loro mente e nel loro cuore, mentre esercitavano un crimine, quello stesso crimine che mai un uomo che si definisce tale eserciterebbe su un altro essere umano.
Se questo è un uomo scriveva Primo Levi, purtroppo ignorato.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Venezia, San Zaccaria. La sorpresa all’imbarco: ignoti hanno defecato in vaporetto

Venezia, il degrado del comportamento delle persone ha toccato livelli mai raggiunti prima. Questa mattina un vaporetto ha attraccato al pontile di San Zaccaria, ma i viaggiatori che sono saliti a bordo hanno trovato una disgustosa sorpresa. Un passeggero si era appena...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...