25.1 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Borseggiatrici in gravidanza, nuovo copione: prese accusano un malore poi fuggono dall’ospedale

HomeNotizie Venezia e MestreBorseggiatrici in gravidanza, nuovo copione: prese accusano un malore poi fuggono dall'ospedale

Borseggiatrici in gravidanza, nuovo copione: prese accusano un malore poi fuggono dall'ospedale

In questi giorni è stato rilevato anche dalla Polizia Ferroviaria di Venezia l’incremento di presenze di gruppi di giovani nomadi, composto prevalentemente da ragazze, che approfittando della distrazione di viaggiatori e turisti impegnati a chiedere informazioni o acquistare biglietti, si appropriano di bagagli o oggetti di valore e portafogli.
“Le ragazzine operano a gruppi e sono particolarmente scaltre ed organizzate – dichiara la Polfer – in modo da tenere monitorate le presenze e gli spostamenti del personale in divisa. Poi, eseguito il colpo, si passano la refurtiva l’un l’altra velocemente in una specie di staffetta, così, anche bloccando in pochi secondi l’autrice del furto, diventa difficile accusarla esplicitamente”.

Per far fronte a questa vera e propria piaga che colpisce prevalentemente chi viaggia con il trasporto pubblico, il Compartimento Polizia Ferroviaria per il Veneto, oltre ad un attento lavoro di monitoraggio con la video sorveglianza, sta impiegando uomini in abiti civili, e il lavoro sta dando i suoi frutti.
Ieri, ad esempio, gli agenti del reparto di Stazione di Venezia Santa Lucia hanno bloccato C.M., 27enne croata, in flagranza di reato. La donna, risultante senza fissa dimora con numerosi precedenti a carico per borseggio, era riuscita con l’aiuto di una complice ad impossessarsi della borsetta di una turista cinese mentre stava salendo su un treno Eurostar.

Le giovani, frettolosamente avvisate da complici dell’arrivo degli agenti, si davano a precipitosa fuga ma una di loro veniva bloccata. In mano ancora la borsetta rubata alla turista cinese dal quale però mancava il portafoglio con circa 6.000 euro che erano già passati di mano ad una complice riuscita a fuggire.
La ladra accusava quindi un malore essendo in stato di gravidanza avanzata e veniva accompagnata all’ospedale, dal quale però si allontava subito facendo perdere le sue tracce. La polizia, che ha i suoi dati, la indagherà in stato di libertà.

Poche ore dopo stesso identico copione andava in scena con un’altra coetanea croata, F.C., anche questa conosciuta e abilissima “manolesta”.

Laura Beggiora

23/08/2014

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.