Barche da guerra affondate, i carabinieri ispezionano i relitti

ultimo aggiornamento: 03/12/2019 ore 14:43

215


I carabinieri si immergono per ispezionare i relitti delle barche storiche affondate in Veneto. Hanno fotografato e filmato il relitto cinquecentesco di una “fusta”, nave da guerra della Serenissima che si trova sul fondo del Lago di Garda. E un’antica nave romana nelle acque di Caorle.

Sono i tesori sommersi nel Veneto, quelli che che i carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Venezia hanno guardato, per capirne lo stato di conservazione.

Tra agosto e ottobre i militari del Nucleo Patrimonio Culturale hanno infatti svolto un’attività congiunta articolata, quella di tutela sui siti archeologici sommersi in acque marittime e in acque interne della regione Veneto. Lo hanno fatto assieme alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Venezia e per l’area metropolitana veneziana, alle Province di Belluno, Padova e Treviso, alla Soprintendenza per le Province di Verona, Rovigo e Vicenza e con l’ausilio del Nucleo Carabinieri Natanti di Venezia e del Nucleo Carabinieri Subacquei di Genova.

LE IMMERSIONI
Dopo aver programmato gli interventi, i sommozzatori specializzati dell’Arma, archeologi e tecnici subacquei del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, si sono immersi nelle acque in cui sono sommersi i resti di imbarcazioni storiche. L’obiettivo era infatti verificare le condizioni conservative di alcuni importanti relitti d’età romana, rinascimentale e moderna, scoperti negli ultimi decenni nell’alto Adriatico e nel Lago di Garda.

Le attività hanno compreso immersioni tra i 5 e i 30 metri di profondità, che hanno permesso di acquisire nuova documentazione fotografica e video ad alta definizione, grazie anche a strumentazione Gps di ultima generazione.

I RELITTI DELLE BARCHE AFFONDATE IN VENETO
A Caorle l’ispezione si è svolta sul “Relitto delle Alghe”, una nave ritrovata nel 1992 a 12 miglia davanti a Caorle su un fondale di circa 30 metri. E’ un’antica imbarcazione romana oneraria di medio tonnellaggio, databile tra la fine del II secolo a.C. e gli inizi del I secolo d.C. In questo caso però, sono state individuate alcune violazioni della Convenzione sulla protezione del patrimonio culturale subacqueo dell’Unesco, ratificata dall’Italia nel 2009, e il Nucleo Patrimonio Culturale di Venezia sta svolgendo indagini.

Nella Laguna del Mort, lungo la costa dell’Alto Adriatico settentrionale, a nord-est della laguna di Venezia, i carabinieri sub hanno ispezionato i siti “Eraclea 1” ed “Eraclea 2”, costituiti dai resti di due imbarcazioni da guerra, databili presumibilmente alla prima metà dell’Ottocento.

Verifiche anche nel Lago di Garda a Verona, sul relitto cinquecentesco della ‘fusta’ veneziana di Lazise, una nave da guerra della ‘Serenissima’.

Ad Arquà Petrarca, nella provincia di Padova, è stato svolto un servizio specifico sul ‘laghetto della Costa’, il piccolo specchio d’acqua che si estende ai piedi dei colli Euganei: sulle sue rive vi sono le tracce di un villaggio i cui resti risalgono prevalentemente all’età del Bronzo antico, facente parte dei 111 siti che formano gli Antichi insediamenti sulle Alpi tutelati dall’Unesco.

I nuovi dati acquisiti nel corso delle operazioni e la valutazione sullo stato di conservazione dei siti, svolta dai tecnici del Ministero, consentiranno la prossima progettazione di mirati interventi di protezione dei relitti e, dove possibile, di valorizzazione.

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here