Auguri zia Gina: 100 anni e non sentirli

ultima modifica: 08/11/2020 ore 10:25

563
Auguri zia Gina: 100 anni e non sentirli
Zia Gina, Veneziana Doc, tra le nipoti.

“Tanti auguri, super zia Gina! Un secolo di vita per Gina, veneziana doc che si auto definisce una vispa centenaria”.
Classe 1920, è nata e ha sempre vissuto a Venezia. Mamma, zia e nonna, si caratterizza per l’essere sempre stata una gran mangiona e una persona sempre allegra, amante della compagnia. Con lei e le sue sorelle si è sempre riso tanto.
Le nipoti ricordano due cose di lei: la sua mania per le pulizie che, quando aveva ospiti a casa, la portava ad aprire le porte con gli stracci, e la sua passione per il ballo, che ancora oggi

le impedisce di star ferma: alle feste lei balla sempre, anche se gli altri stanno seduti.
Zia, è un compleanno importante questo. Qual è il segreto per arrivare così in forma a quest’età?
(Traduzione in italiano della sua risposta esclusivamente in veneziano).
“Non mi sento 100 anni, me ne sento 50. Il mio prossimo obiettivo è arrivare ai 130, solo che potrebbe esserci una serie di problemi organizzativi.”
Della sua vita racconta che il marito lavorava e lei si è sempre dedicata tanto alla casa: “Ho sempre fatto tutto da sola, giorno e notte, pulizie comprese, anche nelle case dei miei nipoti. Ora cerco lavoro” (dice scherzando).


100 anni ai tempi del Covid.
È stato un compleanno diverso. La famiglia avrebbe voluto portarla a San Marco per festeggiare ma causa restrizioni non è stato possibile. Così la zia Gina ha passato due intere giornate a ricevere videochiamate di auguri, tante da stancarsi, quasi.
Lei continua a ripeterlo: “no so na vecia, no me sento 100 anni”, mentre continuano a giungere auguri da tutti i suoi parenti.


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here