Assemblea generale del Forum delle Associazioni Familiari: "Tra qualche anno saremo un ospizio"

Sabato 24 novembre Alessandra Donà, Presidente del Forum Veneto delle Associazioni familiari assieme a Marco Scarmagnani, ha partecipato all’Assemblea generale del Forum delle Associazioni Familiari presso Palazzo Rospigliosi a Roma.

Il presidente nazionale Gigi De Palo ha fatto un bilancio degli ultimi anni di attività del Forum ed ha avanzato le istanze a favore del “Patto per la natalità” ai membri del Governo nazionale. “Siamo in guerra perché, tra qualche anno, il nostro Paese sarà un grande ospizio. Senza futuro, con un radioso e glorioso passato, e un presente mediocre”, ha scandito De Palo sottolineando che “siamo in guerra perché dovremo accettare passivamente il fatto che i nostri figli partiranno, andranno all’estero, emigreranno per necessità e andranno a pagare il debito pubblico di un Paese concorrente”.

Il Forum delle Famiglie da tre anni lo ripete: urge un Patto per la Natalità. Dobbiamo mettere i giovani nelle condizioni di fare famiglia. De Palo afferma che secondo le rilevazioni del demografo Rosina quasi il 90% dei giovani italiani desidera avere due o più figli e che ciò è motivo di orgoglio e di senso nella vita. Questo significa che se questi giovani fossero semplicemente aiutati a realizzare i propri progetti di vita, non solo la denatalità italiana diventerebbe un problema superato, ma avremmo dato un senso alla loro vita.

Quindi l’obiettivo di riportare la fecondità vicina all’equilibrio generazionale non è impossibile, perché non si tratta di convincere le giovani coppie a far figli, ma semplicemente di metterle nelle condizioni di realizzare meglio e con più successo i propri obiettivi di vita, i propri sogni. A parole siamo tutti d’accordo. Ma poi nei fatti…

Ogni anno, l’anno della famiglia è l’anno successivo. E intanto, in un Paese che sta vivendo la crisi demografica più lunga e difficile della sua storia, scopriamo che la seconda causa di povertà è mettere al mondo un figlio. Che le donne sono costrette a nascondere il pancione. Che un figlio da 0 ai 18 anni costa 172mila euro… Non possiamo accettare il fatto che una famiglia, pur volendo un figlio, abbia paura a farlo… Il reddito di Cittadinanza non può essere fatto passare per politiche familiari come anche i vari bonus bebè, bonus asilo nido, etc.

De Palo invita il mondo della politica a sfruttare la competenza del Forum. Ma soprattutto è finito il tempo delle analisi. Quelle, ormai, sono molto chiare. Serve una volontà politica chiara. Erano state invitate sia le cariche politiche di maggioranza sia di opposizione. È intervenuto il Ministro dell’interno Matteo Salvini che ha concordato nel ritenere il calo demografico una problematica grave sottolineando che i bambini non nascono e i pensionati scappano, “il vero spread è quello delle culle”.

È necessario, ha aggiunto, “cominciare a seminare qualcosa, anche se i frutti si raccoglieranno in seguito”. “Investiamoci, perché è fondamentale. Non abbiamo più tempo”.

Il Ministro per le politiche della famiglia, Lorenzo Fontana, in un videomessaggio all’assemblea ha dato parola che il Governo continuerà a collaborare con il Forum. Dopo di lui l’intervento dell’onorevole Licia Ronzulli presidente della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza, secondo la quale non si può più pensare ad un sistema fiscale “sulle” persone, ma “per” le persone. Anche il senatore Lucio Malan ha portato il suo sostegno alle politiche familiari così come il segretario confederale della Cisl Angelo Colombini.

E – come ha esordito in un videomessaggio iniziale il Presidente della CEI card. Gualtiero Bassetti – il Forum delle Associazioni familiari continuerà a tenere fede a quel Patto per la natalità stabilito in dialogo con le istituzioni.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here