Arrivo dei profughi, tavolo del prefetto disertato

ultimo aggiornamento: 21/04/2015 ore 08:42

100

Arrivo dei profughi, tavolo del prefetto disertato

I sindaci non si presentano, da Zaia un altro “no” all’arrivo dei migranti.
Il vertice sull’emergenza profughi convocata a Venezia dal prefetto Domenico Cuttaia non è stato partecipato dalla maggior parte dei primi cittadini veneti dopo la richiesta del Governo di accogliere nella regione altri 700 profughi.
E c’è poco da stare allegri, perché la situazione è sempre più “scottante”, anche politicamente.

Dal governatore Luca Zaia la risposta a Cuttaia è stata un “no” con rifiuto all’ipotesi tendopoli e caserme dismesse, spiegando che il Veneto “ha già l’11% di immigrati sulla popolazione”.


Il piano del governo che è stato annunciato dal prefetto di Venezia non riguarda i maxicampi ma si intende puntare su piccoli gruppi d’accoglienza diffusi tra le province, organizzati dalla sinergia tra istituzioni e volontari, con la collaborazione dei cittadini.

Redazione

21/04/2015


Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here