5.9 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Aprilia, lavoratori a rischio licenziamento

HomeMestre e terrafermaAprilia, lavoratori a rischio licenziamento
la notizia dopo la pubblicità

aprilia stabilimento operai lavoratori

Solamente alcuni giorni fa, gli operai dello stabilimento Aprilia di Noale avevano manifestato pubblicamente la loro preoccupazione riguardo al calo della produzione e all’imminente riduzione dei posti di lavoro, stamane i timori sembrano essersi concretizzati. A subirne maggiormente le conseguenze i lavoratori dello stabilimento di Scorzé.

Oggi è arrivata la notizia che da lunedì 4 novembre nella fabbrica dove lavorano 350 operai saranno attive solo le due linee assemblatrici delle moto, mentre l’intero comparto degli scooter rimarrà fermo; la linea uno lavorerà tre settimane, la due per quindi giorni e poi gli operai rimarranno a casa.

È da tempo ormai che lo stabilimento di Scorzé non produce più molto: una volta autore anche 100 mila moto all’anno, ora invece i numeri sono attorno alle 25 mila, e l’azienda è sempre più decisa a far scendere il numero a 10 mila. Ne consegue che a soffrirne sarà l’organico, con una riduzione di personale che diventerà obbligatoria.

La cassa integrazione partirà da dicembre e le sorti dello stabilimento di Scorzé saranno riviste a gennaio 2014. Più precisamente infatti, il 31 terminerà il contratto di solidarietà (accordo stipulato fra l’azienda e i sindacati per diminuire le ore di lavoro e sopravvivere nonostante la crisi aziendale) mentre la fabbrica di Noale potrà prorogare lo stesso tipo di contratto, permettendo ai lavoratori di continuare le attività per un altro anno.

A gennaio i sindacati Fiom, Cgil e Fim Cisl cercheranno di trovare un’intesa con l’Aprilia. Nel frattempo terranno alta l’attenzione sulle sorti dello stabilimento. Nei prossimi giorni assieme alle Rsu, si incontreranno per decidere cosa fare, mentre la prossima settimana dovrebbe tenersi l’incontro con l’assessore veneto al Lavoro Elena Donazzan.

Noale e il suo sindaco, Michele Celeghin hanno voluto dimostrare la loro solidarietà ponendo una bandiera dell’Aprilia sopra la porta d’ingresso del municipio, promettendo che rimarrà lì finché non saranno date delle risposte concrete.

Alice Bianco

[29/10/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...