Adriano Celentano su Adrian: “Brugnaro e Cacciari veri promotori della svendita di Venezia” [video]

ultimo aggiornamento: 15/12/2019 ore 08:32

7727

adriano celentano brugnaro cacciari venezia video

Adriano Celentano ama sorprendere e tira fuori un jolly su Venezia nell’ultima puntata di ‘Adrian’, in onda giovedì sera su Canale 5, che ha l’effetto di una cannonata dal video.

“A Venezia due giorni fa si è tenuto un referendum con quorum ‘ammalato’ “. Il cantante non si è risparmiato critiche al sindaco e all’ ex sindaco di Venezia, Brugnaro e Cacciari, rei di aver invitato i cittadini all’astensionismo.

“Il sindaco di Venezia, Brugnaro, – ha detto Celentano – in compagnia di Massimo Cacciari e dei successori, sono stati i veri promotori della svendita di Venezia. Loro quattro, chiamati anche i quattro dell’Orsa Peggiore, hanno incitato i cittadini di Venezia ad astenersi dal voto. E il quorum così si è ammalato. Ma la colpa maggiore, secondo me, non è tanto di Cacciari, Brugnaro e gli altri, è dei veneziani”.

Il video, riportato a fondo pagina, mostra l’intero intervento del molleggiato su Venezia e sul referendum.

Poi, bruscamente, rivolto ai veneziani: “Come fate a non accorgervi della trappola in cui state cadendo?

“Venezia oggi è in vendita. I palazzi, le isole, i monumenti artistici, e fra un po’, cari veneziani, venderanno anche voi se non tenete gli occhi aperti”.

Adriano Celentano, in prima serata su Canale 5, con il massimo degli ascolti, continua così: “Venezia è una delle sette meraviglie del mondo, esposta peraltro come nessun’altra alle sfide del cambiamento climatico. Potrebbe essere la sede ideale di un’agenzia internazionale per l’ambiente. E invece, per colpa di quel voto mancato di voi veneziani, Venezia rischia di sprofondare sotto i piedi di 32 milioni di turisti ogni anno”.

“Insomma – ha proseguito il molleggiato – ciò che vogliono i pochi veneziani rimasti a Venezia è avere un loro Comune, senza dividerlo con altri sei paesi. Perché è chiaro che chi comanda, a Venezia, non sono certo i veneziani, non è certo il “Comune” di Venezia, ma gli altri paesi limitrofi: Marghera, Campalto, Mestre. E quindi come si fa? E’ il quinto referendum che i veneziani perdono. Ma perdono perché non vanno votare. Perché si fanno convincere di astenersi dal voto. Però io credo che ci sarà un’altra votazione, non so quando, ma ci sarà”.

“Sono convinto – ha concluso il cantante – che la prossima volta Venezia avrà un Comune suo, indipendente, e non suddiviso in sei paesi.

Il video dell’intervento di Celentano su Adrian qui sotto.

– Il video è stato oscurato per pretesa su copyright –

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

11 persone hanno commentato questa notizia

  1. Ha ragione Celentano, però ha dimenticato una cosa: i cittadini di Venezia solo dovrebbero votare per dire se vogliono separarsi dalla terraferma, sono loro interessati alla variante. E’ inutile che tu mi metta tutta la cintura metropolitana, loro non sono interessati e non vanno a votare, quindi fallisce per forza il quorum.
    Anzi, lo fanno apposta per farlo fallire.
    Se tu metti assieme ai cittadini di Venezia quelli di Bergamo. ancora meno persone andranno a votare e il quorum sarà ancora più alto, quindi vincerà facile il ‘no’ ma è solo perché a Bergamo non gliene frega un … dell’autonomia di Venezia.
    I cittadini di Venezia e basta dovrebbero votare per separarsi dal resto, è della loro città che si parla.
    Cavallino-Treporti si è separata da Venezia (e sta benissimo oggi ) ma hanno votato solo quelli di Cavallino – Treporti, mica quelli di Venezia e meno ancora quelli di Maerne.
    Ha ragione Celentano ma guardate oltre: vi hanno preso per il c…

  2. È vero che stanno svendendo Venezia purtroppo, ma il referendum non c’entra niente, i paesi limitrofi non hanno vantaggi economici su Venezia, anzi paghiamo le tasse sulle case come i veneziani, anche se le loro valgono molto ma molto di più… e Campalto non è nemmeno un paese, è un quartiere composto quasi esclusivamente da case popolari e Mestre e Marghera anche in confronto a Venezia, quindi la terraferma non ha vantaggi econonici su Venezia, anzi…

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here