Adelina, la bambina annegata a Jesolo, è morta per congestione

Adelina, la bambina annegata a Jesolo, è morta per un blocco della digestione.
Una congestione quindi. E’ questa la tesi più attendibile per spiegare l’atroce disgrazia della bambina annegata martedì a Jesolo a cinque anni.
Al momento della tragedia erano le prime ore del pomeriggio e la piccola aveva mangiato da poco quando è entrata in acqua.
A dare i primi indizi sul blocco della digestione a causa dell’acqua erano stati anche i concitati momenti della rianimazione, purtroppo inutile. In quei drammatici momenti, tra massaggio cardiaco e respirazione bocca a bocca, i soccorritori avrebbero nitidamente distinto un rigurgito di cibo, effetto della probabile congestione.
La tragedia è avvenuta sull’arenile di piazza Brescia martedì poco dopo l’ora di pranzo. Improvvisamente i genitori della piccola di 5 anni cominciano a cercarla e si rivolgono ai bagnini riferendo che non riuscivano più a trovarla.
Cominciano ricerche febbrili da parte del personale di salvataggio che ad un certo punto danno risultato: un piccolo corpo viene avvistato a pochi metri dalla riva. Non si muoveva.
I bagnini sono subito intervenuti riportando la piccola, che era in stato di incoscienza, a riva.
Cominciano le manovre rianimatorie grazie anche ad un infermiere professionale che si trovava in spiaggia, manovre che continuano anche dopo l’arrivo dei soccorsi ma che, purtroppo, non danno nessun esito.
La Procura non ha ritenuto di far eseguire l’autopsia sul corpo della bimba, è chiaro infatti il decesso per cause naturali.
Il sindaco di Jesolo, Valerio Zoggia, si è detto ieri disponibile a contribuire ai costi per il rimpatrio della piccola.

Redazione

[17/07/2014]

ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000

Riproduzione vietata

ULTIME NOTIZIE PUBBLICATE


Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here