18.9 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

A chi servono i nuovi orari actv?

HomeLettereA chi servono i nuovi orari actv?

pontile actv murano serenella venezia

A chi servono i nuovi orari actv?
Vagliando i nuovi orari delle linee 4.1, 4.2 e 3 pubblicati da ACTV, in vigore dal prossimo 1° aprile, viene spontaneo porsi questa domanda.

Abitare a Murano,  è noto, implica non solo avere grande spirito di adattamento ma anche e soprattutto, pianificare la propria giornata/vita  in base alle proprie necessità e in funzione degli orari dei mezzi pubblici, dai quali – purtroppo – si è completamente dipendenti. Se si appartiere alla grande schiera dei pendolari (lavoratori e studenti) si è giocoforza  obbligati ad  “ingoiare tanti rospi”  infatti se non fila tutto liscio ( basta poco!!) i disagi per gli eventuali spostamenti non sono sicuramente pochi e grande diventa la frustrazione quando si subiscono delle dilatazioni dei tempi di viaggio evitabili.
 
I nuovi orari aggraveranno inesorabilmente i disagi e le difficoltà:  la mancanza di una cadenza regolare creerà sicuramente problemi, ci sono corse che si sovrappongono e tempi buchi troppo lunghi e, inoltre, è palese che saranno insufficienti a  sostenere l’afflusso in stagione turistica.
  
ACTV vuole far intendere che i nuovi orari siano stati concertati con  i residenti per venire incontro alle esigenze della popolazione, soprattutto i pendolari, ma stranamente i sondaggi a bordo dei mezzi per capire le esigenze degli utenti sono stati molto rari o quasi nulli (viaggio molto ma non ho mai incontrato un sondaggista) e, se non  ricordo male, durante la presentazione del nuovo piano avvenuta a Palazzo da Mula, i residenti hanno manifestato non molto velatamente il proprio disappunto, quindi…………

ACTV aveva promesso, a fronte della cancellazione di 2 corse all’ ora su sei delle linee giracittà (uno scempio), un rinforzo della linea diretta per Ferrovia e P.le Roma, la 3, dedicata soprattutto ai residenti pendolari e non, dimenticando o fingendo di dimenticare le molte “fragiltà” di questo servizio che, quando la marea raggiunge o anche si avvicina ai 90 cm (spesso purtroppo) viene completamente abolito, quando la marea è troppo bassa idem, quando c’è una festa/manifestazione/regata nel canale di Cannaregio, ugualmente, svanisce nel nulla, quando c’è nebbia è a rischio o come minimo non fa il giro completo di Murano, quando ci sono elezioni/referendum è il primo a essere soppresso per mancanza di personale…….

Se sorvoliamo questi problemi, è certo che un aumento nella frequenza delle corse e un prolungamento dell’arco orario in cui la linea è operativa sarebbero stati benaccetti e graditi da tutti e soprattutto efficaci anche come sgravio delle inadeguate e insufficienti 2 corse l’ora che ci restano del 4.1.

Quello che ACTV ha attuato, invece, è uno stravolgimento totale dell’unica cosa che funzionava, il percorso di tale linea ispirato non si capisce da quale logica.

Il cambio di percorso ha comportato la soppressione, totale, della fermata di Serenella (peraltro utilizzata da molti anziani perchè nei pressi di case del comune) e, in molte fasce orarie, anche di Colonna.

Tutti quelli che risiedono in zona Colonna, Fond.Vetrai, Fond. Manin, Faro, Bressagio, Dietro gli Orti, Serenella, S.Cipriano…e cioè nei pressi di Serenella o Colonna, vengono fortemente discriminati e penalizzati dai nuovi orari, perchè queste due fermate subiscono solo tagli.
In molte fasce orarie per chi da Colonna deve raggiungere P.le Roma il viaggio si allunga di 14 minuti rispetto a prima (e questo purtroppo anche la mattina presto nelle corse più critiche per l’appunto per i pendolari e gli studenti) vanificando il senso della linea.
Il frequentatissimo diretto in partenza alle 7.25 da Colonna che arrivava a P.le Roma alle 7.47, orario ideale per gli studenti e molti lavoratori, è stato completamente abolito. Che vaporetto dovranno prendere queste persone adesso? Verranno fatte modifiche anche negli orari di inizio delle lezioni nelle scuole? Evidentemente i nostri ragazzi non hanno nessun peso!

La cosa più clamorosa è che, se confrontiamo i tempi, tabelle orarie alla mano, i minuti impiegati per percorrere la tratta Venier-P.le Roma, omettendo le fermate Serenella e Colonna, dalla nuova linea 3, sono esattamente gli stessi (27 min) che impiega la linea attuale servendo le due fermate!!!!
Nessuna risparmio nei tempi di percorrenza quindi nessuna economia nei costi del carburante!!!!

Da cosa è giustificato allora tutto il disagio che verrà arrecato? 

Perchè quello che poteva essere un miglioramento della linea per tutti per molti si trasforma in un supplizio? 

Forse per poter godere di mezzi pubblici adesso più di prima bisogna essere iscritti a qualche partito politico o avere “amicizie” nelle sfere che contano di ACTV?

Oppure, e sembra più probabile, ACTV sta applicando la famosa tecnica imperialista romana del “divide et impera” e cioè il beneficiare alcuni a scapito di altri è una strategia per alimentare una “guerra tra poveri” e fiaccare l’”avversario” in modo da renderlo impotente e poter poi procedere indisturbati con ulteriori tagli?

La linea 3 deve essere rinforzata a vantaggio di tutti coloro che ancora si ostinano ad abitare nell’isola (pochi e sempre meno purtroppo). Il diretto deve servire tutte le fermate (comprese Da Mula e Serenella) in tutte le fasce orarie e Colonna deve rimanere, come è sempre stato, la prima fermata in arrivo e l’ultima in partenza per la sua posizione e perchè è sempre la più frequentata.

Annalisa Rossi
Venezia

[21/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.