7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

4 novembre 1966: quando Venezia fu devastata da una marea di 194cm sul medio mare

HomeL'acqua Granda4 novembre 1966: quando Venezia fu devastata da una marea di 194cm sul medio mare
la notizia dopo la pubblicità

4 novembre 1966: 55 anni fa l’alluvione che devastò Venezia raggiungendo i 194 cm sul medio mare. Un ricordo indelebile

Sono passati 55 anni ma il ricordo è ancora intatto e la ferita sempre aperta.
Il 4 novembre del 1966 Venezia fu quasi completamente sommersa dall’acqua del mare Adriatico in tempesta.
Una giornata che registrò una condizione meteorologica eccezionale tale da provocare immensi danni civili e idrogeologici in mezza Italia, dalla devastazione delle montagne all’esondazione dell’Arno a Firenze.

Fu un’acqua talmente alta che non si ha memoria di un episodio in precedenza di simili dimensioni: 194 centimetri sul livello medio del mare, una quota sfiorata solo il 12 novembre del 2019 con 187 cm, un’altra giornata che resta impressa nella memoria dei veneziani, quando per soli 7 centimetri non si replicò il 1966.

4 novembre 1966 - Piazza San marco durante l'acqua Granda - foto Archivio Giovannelli
4 novembre 1966 – Piazza San marco durante l’acqua Granda – foto Archivio Giovannelli

Scirocco fortissimo e persistente, il centro storico iniziò ad essere invaso già alle 22 del 3 novembre: secondo le regole astronomiche, alle 5 del mattino successivo la marea avrebbe dovuto ritirarsi, per ritornare ad alzarsi sei ore dopo. Ma così non avvenne.

La laguna non riuscì a scaricare l’acqua, che calò solo di pochi centimetri; Venezia e le isole rimasero allagate e verso mezzogiorno la marea si gonfiò ulteriormente.
Saltarono i telefoni, la luce elettrica, il gas nelle case.
Gli stivali a cui i veneziani sono abituati non bastavano più, non si poteva transitare e i piani terra sparirono sotto le acque gelide del mare e della laguna.

A quel punto Venezia, di nuovo sei ore dopo, alle 18, dovette affrontare la prova decisiva: ancora una volta, invece che calare, sconvolgendo ogni regola e tradizione la marea riprese a salire.
Nel buio più totale, nel silenzio più assordante interrotto solo dal rumore della mareggiata, Venezia e le isole vennero devastate.

L’isola di Sant’Erasmo, di fronte alla bocca di porto del Lido, scomparì sotto ondate alte fino a 4 metri, stessa sorte toccò alle isole di Murano, Burano e Torcello, mentre al Lido e Pellestrina i danni furono ancora maggiori con la distruzione dei Murazzi, l’imponente diga in pietra d’Istria progettata nel 1716 per difendere gli argini della laguna dall’erosione del mare, il cui crollò contribuì all’allagamento del centro storico.

Un equilibrio durato 1600 anni fu interrotto in quel momento, nella disperazione degli abitanti, incapaci di affrontare qualcosa di più grande di loro.

Dopo 24 ore di dominio, fu solo verso le 21 che, ormai contro ogni attesa, le acque iniziarono a ritirarsi. Così come era salita, la marea se ne usciva dalla città, lasciando dietro di sé solo devastazione e sporco.

continua a leggere dopo la pubblicità

» leggi anche: “A Venezia paura per un’altra ‘Acqua Granda’: cos’è cambiato da allora. Di Andreina Corso

» leggi anche: “Venezia, le ore più lunghe. I video dell’acqua alta

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".
spot

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...
Advertisements

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti