6.1 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

2017: cinquantadue suicidi nelle nostre carceri

Homesocietà2017: cinquantadue suicidi nelle nostre carceri
la notizia dopo la pubblicità

Rivolta nel carcere di Padova ieri
Non sempre è utile partire dai numeri per affrontare un problema, ma i 52 suicidi di detenuti nelle carceri italiane sono un conteggio illuminante per capire, verificare questo dato che riguarda il 2017.

Una strage vicina e insieme lontana dalla nostra vita, circoscritta da solide e impenetrabili mura che in 17 anni conta 987 persone (dato Ristretti Orizzonti ndr) che si sono suicidate lasciando mute e inascoltate le ragioni che hanno spinto a scelte così tragiche e definitive.

È pur vero che chi ha violato la legge e viene condannato da un tribunale, sa che lo aspetta una cella e perde la libertà, che per ogni essere umano (anche quando ha sbagliato) è e rimane un valore insostituibile.

Sappiamo cosa ci ha insegnato la Costituzione, quando impone nella sua autorevolezza la necessità di una pena che riesca a migliorare l’uomo che è entrato in una cella e che ne dovrebbe uscire migliorato, senza odio dentro il cuore e con la volontà di ritrovare un senso per la propria vita e quella della sua famiglia.

Sa che deve restituire alla società e soprattutto ai suoi figli un esempio di correttezza e un messaggio di cambiamento ispirato alla responsabilità e al Bene, ma il sovraffollamento, il personale insufficiente, il bisogno di salute psicologica che poi affonda sulla salute fisica, sono tutti elementi che non aiutano la persona che vorrebbe cambiare, che si aspetta di poter superare con dignità le azioni della sua vita che vorrebbe non aver mai compiuto.

Dal carcere di Benevento l’ultimo suicidio: si è impiccato in cella un ergastolano di 39 anni, e così è avvenuto, solo negli ultimi giorni a San Vittore, Terni, Regina Coeli, consegnandoci una testimonianza drammatica che ci riguarda, perché ogni gesto di disperazione richiama la nostra umanità.

Se è vero che a tutti interessa che la persona che uscirà (forse) dal carcere sia migliore di quella che è entrata, bisogna valutare le opportunità che possono favorire questa trasformazione. E quali sono dentro una realtà, un universo difficile di situazioni inadeguate, quando si pensi che sono 58mila i reclusi in strutture che potrebbero ospitarne 50mila. Difficoltà che incontrano anche gli operatori penitenziari che sono in numero insufficiente e che devono farsi carico di problemi che richiedono altre competenze e responsabilità.

L’Associazione Antigone attraverso il suo presidente Patrizio Gonnella, ha spiegato che «ogni suicidio è sicuramente una storia a sé un gesto individuale di disperazione, ogni suicidio è anche il fallimento di un processo di conoscenza e presa in carico di una persona». E fa appello alla necessità di più colloqui individuali, al sostegno psicosociale della persona, al lavoro, all’umanità del trattamento.

In queste giornate il Consiglio dei Ministri ha approvato i i decreti delegati previsti dalla Riforma Orlando. E con essi le misure alternative alla carcerazione, la riforma dell’assistenza sanitaria, la semplificazione dei procedimenti, l’eliminazione di automatismi e preclusioni, il volontariato e vita penitenziaria. Restano deboli i provvedimenti su affettività, minori e lavoro (ancora ci sono bambini che vivono in carcere con le loro madri).

Riferiremo con un articolo puntuale le tematiche dei decreti votati dal Governo.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Grazie signor Benedetto per aver commentato l’articolo.
    Questi temi non sono quasi mai commentati e me ne rammarico, ma poi arriva un pensiero e ritorna la fiducia.
    Spero che quest’anno ci impegni sempre di più a raccontare mondi sommersi, ma non per questo meno veri e sofferenti di altri.
    Grazie ancora.

  2. Nel sistema carcere non lo stato a sbagliato ma il popolo italiano, che deve dire basta a questo MASSACRO di persone che hanno sbagliato va bene hanno fatto degli errori, ma non certi di una pena capitale. non bisogna lasciare soli queste persone si sentono deboli nono reggono il carcere.Nessun essere umano nasce deliquente. ma ci diventa MEDITATE MEDITATE . A fine anno 2018 sarà la stessa storia si gioca di nuovo coi numeri. Gli esseri umani non sono numeri ma anno la loro dignità!!

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi Actv: ecco come e quando

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale. La comunicazione arriva direttamente dall'Azienda che recepisce il DL del governo sul tema. E dato il rigore della disposizione non è certo il caso di prenderla alla leggera: la sanzione...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...