Gondolieri di Venezia uniti: protesta contro il moto ondoso

202

Gondolieri di Venezia uniti: protesta contro il moto ondoso

Tornano le proteste per il moto ondoso sulle nostre acque e sono ancora una volta i gondolieri a difendere la laguna, ad ammonire sulla velocità, sull’emissione dei gas, sul pericolo delle onde provocate da vaporetti e motoscafi, che rischiano di rovesciare le gondole. La loro “supplica” alle istituzioni è di antica data.
Da tanti anni i gondolieri denunciano una situazione diventata insostenibile. E Aldo Reato, Presidente dei Bancali annuncia battaglia.

I gondolieri, soprattutto quelli del Danieli, soffocati da barconi, taxi e un via vai indiscriminato di mezzi di trasporto, hanno improvvisato una protesta che dovrà giungere a Ca’ Farsetti e presa in considerazione da Sindaco e Assessori.

Si profila uno sciopero, o un blocco del traffico, che il Sindaco Luigi Brugnaro, il comandante della polizia municipale Marco Agostini e gli Assessorati referenti, potrebbero fermare, se si prendessero provvedimenti in grado di diminuire il moto ondoso, rispettando la vulnerabilità della laguna e permettendo alle gondole e alle imbarcazioni di navigare senza pericoli.

Qualche consiglio i gondolieri lo offrono: il controllo della velocità anche sui vaporetti e motoscafi che approdono agli imbarcaderi, la nascita di un punto di controllo (a San Giorgio o in Punta della Dogana?). E l’appello al senso di responsabilità da parte di tutti, istituzioni e cittadini, di coloro i quali hanno a cuore il destino della città.

Andreina Corso

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here