COMMENTA QUESTO FATTO
 

salani bouchard fuochi d'artificio

Ad un mese circa dalla Giornata della Memoria, esce nelle librerie, edito da Salani Editore (pp. 320, 14,90€), Fuochi d’artificio – Il piano segreto di quattro giovanissimi partigiani, di Andrea Bouchard.

Un romanzo adolescenziale ma non solo, una bellissima storia d’amicizia e d’amore per la patria, con protagonisti dei ragazzini, costretti a crescere velocemente, ma che con la loro ingenuità e purezza d’animo, riescono ad incarnare il vero spirito della Resistenza e del nazionalismo.

Marta ha 13 anni, tutti la trattano da bambina, ma quando un giorno il fratello Davide, di 14, le propone di aiutare la Resistenza contro nazisti e fascisti, all’insaputa degli stessi partigiani, che non li accetterebbero alla loro età, lei dice sì.
Il fratello inoltre, coinvolge anche Marco, un ragazzino di cui lei è innamorata e dopo aver conosciuto dei partigiani si convince che è la cosa più giusta da fare. Ben presto si ritroverà dentro un’avventura più grande di lei, con pericoli spaventosi, ma che le permetterà di tirare fuori grinta, fantasia e coraggio, riuscendo nell’impossibile: scardinare la guarigione nazista della zona.

Contrariamente alle città in rovina a causa dei bombardamenti, Fuochi d’artificio ambienta le sue vicende sullo sfondo delle montagne piemontesi, in un territorio, come spiega la nonna di Marta, dove ancora si può sperare di sopravvivere grazie ai doni dell’orto e della pesca.

La speranza, la voglia di farcela, il coraggio ed anche un briciolo di pazzia, permettono al gruppo e soprattutto a Marta, di raggiungere degli obiettivi importanti, lì dove i partigiani da soli non riescono.

Niente però sembra inverosimile nel romanzo, che con occhi disincantanti, riuscendo a mostrare la guerra a misura di ragazzino, non la fa vedere meno brutta e pericolosa, bensì come un mostro che fa paura, ma come tutte le paure, utile per rafforzare il carattere di ognuno.

Diviso in quattro parti, il libro del maestro elementare e cantautore romano, è inoltre carico di tensione e suspense e sin dalle prime pagine inoltra il lettore, bambino, adolescente o adulto, in uno dei periodi più tristi della nostra Storia, facendolo però riflettere ed emozionare.

Bouchard ci aveva già deliziato nel 2011 con Magica amicizia e nel 2013 con Il pianeta senza baci (e senza bici), Fuochi d’artificio – Il piano segreto di quattro giovanissimi partigiani è un romanzo più maturo, più articolato, ma non per questo meno diretto ai lettori in erba. È un piccolo gioiello, facilmente includibile tra gli altri romanzi dedicati al periodo, degno di essere letto da tutti, perché la Storia è per tutti, grandi e piccoli.

nuovi libri nuove uscite sara alice

Alice Bianco

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here