Incendio al Civile, Zaia “Evento probabilmente accidentale”

ultimo aggiornamento: 14/05/2015 ore 19:52

74

zaia incendio ospedale civile venezia

I servizi e le normali attività dell’Ospedale Civile di Venezia, interessato ieri sera da un incendio sviluppatosi al secondo piano della palazzina di fronte al padiglione della radiologia, che ospitava la Prima Medicina trasferita a settembre 2014 nel nuovo padiglione Jona, qusta mattina hanno potuto riprendere senza criticità.

Lo ha verificato il Presidente della Regione del Veneto che, accompagnato dal Direttore Generale Giuseppe Dal Ben, dal Responsabile del Suem 118 dell’Ulss 12 Paolo Caputo, e dai responsabili dei Vigili del Fuoco, ha compiuto un sopralluogo per rendersi personalmente conto della situazione e dei danni.


“I danni sono notevoli – ha rilevato il Governatore – ma una serie virtuosa di eccellenze ha permesso di evitare il peggio. Eccellenti i Vigili del Fuoco, che sono riusciti ad intervenire in tempi record nella città più difficile del mondo per il loro lavoro; eccellente il personale sanitario e infermieristico dell’Ospedale, riuscito nel miracolo di ripristinare o spostare tutto ciò che serviva per non bloccare i servizi ai pazienti; eccellente anche il perfetto funzionamento dei sistemi di allarme installati, che hanno segnalato tempestivamente l’avvio dell’incendio, a dimostrazione di quanto importanti sono i cospicui investimenti che la Regione continua a fare sul fronte dell’antincendio e dell’antisismica negli ospedali. Strutture che non si vedono e non si apprezzano abbastanza in tutta la loro straordinaria salvaguardia della sicurezza”.
Soddisfazione motivata da parte del presidente Zaia, anche se in realtà pare che già dal tardo pomeriggio qualcuno avesse avvisato di sentire odore di bruciato, mentre l’allarme per il fuoco è stato dato dopo solo attorno alle 20.

I Vigili del Fuoco hanno domato l’incendio ieri sera verso le 22.30. Questa mattina i servizi del laboratorio d’analisi sono stati riorganizzati in loco per le urgenze dell’ospedale. Il lavoro ordinario sarà dirottato per alcuni giorni al laboratorio dell’Angelo a Mestre.
La verifica degli spazi della dialisi al piano terra, danneggiati solo dall’acqua, lascia prevedere un ripristino abbastanza rapido del servizio. Nessuna seduta di dialisi è stata comunque annullata e tutti i pazienti hanno ricevuto le cure, venendo accompagnati dai mezzi dell’Ulss 12 all’Ospedale dell’Angelo o alla struttura del Lido.

“Ho massima fiducia – ha concluso il Presidente della Regione – nel lavoro di verifica che sta portando avanti la Procura di Venezia, con la collaborazione dei Vigili del Fuoco e la totale disponibilità dell’Ulss 12, per chiarire ogni minimo aspetto di quanto accaduto, anche se, allo stato attuale, tutto porta a far pensare ad un evento accidentale”.


14/05/2015

(foto: presidente Zaia controlla i danni sul tetto con un vigile del fuoco)

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here