Voce del Verbo: Guarire, 3a coniugazione, modo infinito

ultimo aggiornamento: 26/05/2015 ore 09:37

86

Guarire, quando è possibile.
Ristabilire un patto con la vita curando la malattia e cercando di sconfiggerla.
Non sempre si riesce a guarire, qualche volta si muore, ma dicono sia normale.

Un po’ si migliora, un po’ si peggiora e non è detto che la situazione sia prevedibile.
Si potrebbe prevenire? Forse.
Guarire non appartiene solo alla malattia, ci si può riprendere da una illusione, da una delusione, Si può guarire da una dipendenza, dal gioco, dall’alcool, da un amore non corrisposto.
Si può persino guarire (ma è auspicabile?) dalle passioni che intercedono nella nostra vita e mutano i colori stemperandoli nella gioia e nel dolore che la musica, la pittura, la scrittura e l’arte in genere, ci affidano.
Talvolta non è possibile guarire perché bisognerebbe rinnegare la persona che siamo o che immaginiamo di essere, si sceglie un confine, un piccolo ospedale della mente, un dolore cronico, un temperamento nel sentirsi vivi dentro la malattia che sta dentro il nostro spazio vitale.

Andreina Corso


26/05/2015

Riproduzione vietata


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Una persona ha commentato

  1. Sempre in movimento, lontano dalla realtà, mi sono difesa cosi, fino a poco tempo fa…
    Oggi voglio essere in sintonia con la realta’, dissolvermi in essa.
    Mi sono arresa, voglio sottomettermi, indebolire il mio ego e LASCIARE ANDARE. Ho deciso di accettare le mie paure, di sentirle, mi apro all’insicurezza, al timore di non ottenere ciò di cui ho bisogno.
    Voglio smetterla di coprire la paura ed il dolore, voglio entrare dentro me stessa, anziché ‘ controllare quello che c’è fuori.
    Non voglio più mettere in atto strategie per allontanarmi da me stessa. Purtroppo, la spinta ad andare fuori , è ancora automatica; cerco di abituarmi ai momenti di disagio andando dentro me con essi.
    Ogni situazione che affronto o mi creo, la vivo come un’ opportunita’. Non riuscivo a cogliere le opportunità, le combattevo, mi FACEVO VITTIMA, incolpando gli altri o gli eventi, perché mi procuravano disagi e delusioni.
    La preghiera mi ha aiutato moltissimo ad osservare, sentire e lasciare accadere. Voglio trovare me stessa, RICOSTRUIRE LA MIA FIDUCIA NELLA VITA e per questo desidero scoprire le mie negazioni, le mie illusioni e cerco di affrontare paure e dolori entrando in essi per GUARIRE, perche’, ho scelto di VIVERE….☺

Please enter your comment!
Please enter your name here