Voce del Verbo di oggi: Rimanere. 2a coniugazione, Modo infinito. Di Andreina Corso

ultimo aggiornamento: 05/10/2019 ore 08:00

136

gente per strada LARGE

Voce del verbo
Rimanere
Seconda Coniugazione Modo infinito

Rimanere. Esserci.
Rimanere anziché andarsene, scappare, fuggire lontano.
Rimanere per esistere, per vivere con gli occhi del cuore.
Per contare i passi che ci poterebbero altrove, per ringraziare i piedi che non si vogliono spostare, per consolare le gambe irrigidite dalla paura.


Come si fa ad andarsene, quando tutto ci parla di noi? Che cos’è un persona pensata, rimane una persona vera?
Rimanere, resistere alla realtà che ti scaccia, restare comunque.
Trattenersi con la speranza di durare, o con la tensione di definire il tempo di conservazione.
Rimanere è un verbo dignitoso, la sua voce è quieta, la sua cifra è la saggezza acquisita in tanti anni di esperienza che gli hanno insegnato ad affrontare le cose della vita.
Anche quando son difficili e improbabili, anche quando già si sa che non ci sono.
Ma la “resistenza” premia anche le sconfitte: conosce gli sguardi di chi sa vedere l’orizzonte pur non conoscendo il mare. E’ una qualità che rassicura quei testardi che resistono.

Andreina Corso

15/03/2015


Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here