5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
23.9 C
Venezia
lunedì 14 Giugno 2021

Venezia presa d’assalto. Actv mette in acqua i bis (il video)

HomeVenezia e i turistiVenezia presa d'assalto. Actv mette in acqua i bis (il video)

Venezia presa d’assalto nella seconda domenica di un Veneto tornato giallo che tutti hanno interpretato come “Fine del Covid – liberi tutti”.
Una magnifica giornata con il sole di maggio ha spinto visitatori e gitanti ad arrivare sin dalle prime ore della mattina.
Uno dei problemi, come vedremo più sotto, è che tutti gli arrivi devono rientrare all’imbrunire con tempi stretti dato che il coprifuoco è ancora in vigore, quindi sono grandi masse di persone che si muovono nello stesso momento.
Il video qui sotto mostra uno di questi momenti pomeridiani in cui i trasporti faticano a reggere l’urto delle persone arrivate che spingono per rientrare.
Ma andiamo con ordine: i numeri ufficiali dicono che sono arrivate oltre 30mila persone. Chi era per strada ne dichiara anche di più dato che ci sarebbe stato un ulteriore aumento rispetto al giorno precedente: un sabato già affollato e vicino a quelle cifre.
Tutti auspicavano il “ritorno alla normalità” ma nessuno immaginava un riversamento istantaneo così in massa in città, tanto meno Actv che si è trovata a fronteggiare code di persone da trasportare agli imbarcaderi principali.
Poco dopo le 10 del mattino la centrale operativa della Polizia locale comunicava che i parcheggi di piazzale Roma, erano al completo. Poco dopo sono risultati pieni anche quelli al Tronchetto.
Code anche alla Basilica di San marco e code per salire sul campanile. Le traettorie principali (Strada Nuova – Rialto – San Marco) si sono trovate improvvisamente intasate mentre i residenti cercavano di saltare il centro per arrivare a Lido.
C’è qualcosa di nuovo oggi in città, anzi d’antico, direbbe Pascoli mentre assiste ai rimbrotti di tutti, visitatori e residenti.
Chi erano i 30-35mila?

Per una buona metà erano dal mondo veneto in gita. Per quasi un’altra erano metà italiani extra-regione. Infine è stata registrata una minoranza di turisti stranieri (molti i tedeschi).
Nei trasporti, inevitabilmente, si sono verificati problemi.
L’azienda ha messo in acqua tutti i bis che poteva, addirittura ricorrendo ai vaporetti più grandi in rinforzo alla linea diretta 5. che di solito viene svolta dai motoscafi.
In alcuni casi non è stato possibile rispettare le regole per viaggiare al 50% della capacità massima, così come le distanze interpersonali a bordo sono diventate relative. Il personale che imbarcava non ce la faceva fisicamente a reggere l’urto delle persone.
Festeggiano, intanto, bar e ristoranti che hanno registrato quasi ovunque il tutto esaurito con tavolate che a volte si sono protratte anche fino a oltre le 16 tanta era la voglia di convivialità.

Al tramonto gli spostamenti di ritorno. Stazione Santa Lucia presa d’assalto, Piazzale Roma e Tronchetto pieni.
Punti critici: San Zaccaria, dove i visitatori hanno scoperto che non era sufficiente individuare il pontile giusto per fare ritorno, e Murano e Burano dove i mezzi di linea hanno fatto estrema fatica a riportare indietro i visitatori domenicali delle isole.

Alla sera, poi, il rientro dalle spiagge con vaporetti e ferry boat presi d’assalto.
Video: situazione di affollamento a bordo di un vaporetto. nella fascia oraria delle 18, quando i mezzi più grandi già sostituivano i motoscafi a San Zaccaria.

Data prima pubblicazione della notizia:

3 persone hanno commentato

  1. ADDIO VIVIBILITA’…: HANNO “APERTO I RECINTI” E I TURISTI PENDOLARI CREANO UN IMPATTO TIPO VAJONT!
    SUBITO LA TASSA DI SBARCO PER SPALMARE LE MASSE IN GIORNI DIVERSI!
    NON SI TORNI AL PASSATO: SERVE UN FRENO
    LA PANDEMIA COVID POI NON E’ FINITA: PERCHE’ ACTV NON HA FATTO RISPETTAR EIL 50% DI CAPIENZA? ANDREBBE SANZIONATA!
    QUALCUNO CI SENTE…?

    • Actv fa sempre quello che vuole; “scioperi bianchi” a parte, più di una volta mi è stato impedito l’accesso ai vaporetti in quanto a dire dei suoi dipendenti la mascherina che indossavo non era a norma (perché non aveva i laccetti ma era legata dietro la nuca), quando invece – come attestatomi pure dagli agenti della Polizia di Stato – era pienamente rispettosa delle indicazioni decretali. Insomma, valgono solo le norme a carico del cittadino, anzi fatte pesare più di quanto già non lo siano; quelle a carico della società (come la capienza ridotta) possono andare a farsi benedire!

      D’altro canto, non credo che la tassa di sbarco avrà un effetto particolarmente positivo, salvo il riempire un po’ le casse del comune: anzitutto perché la maggior parte dei turisti sono intraregionali, e dunque esentati dalla tassa; secondariamente perché se un milanese spende 50 euro di treno per venire a Venezia non saranno 5 euro di tassa a fargli cambiare idea. Io preferirei un contingentamento degli ingressi per ragioni turistiche, a partire dal non farli salire sui treni: quando lavoravo in archivio a Treviso ricordo le folle di turisti pendolari che intasavano i treni della linea Udine-Venezia nel periodo di Carnevale (specialmente nei festivi quando il numero di vetture è ridottissime), col risultato di impedire di salire ai lavoratori!
      Sull’altro versante è importante implementare il sistema di separazione degli accessi ai vaporetti tra residenti e turisti, e magari pure orientarsi verso un certo numero di mezzi riservati ai residenti.

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor