18.1 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Tasi, a Venezia prima rata da pagare il 21 luglio

HomeCittà Metropolitana di VeneziaTasi, a Venezia prima rata da pagare il 21 luglio

tassa sulla casa imu iuc tarse tasi ecc

Tasi, pagarla ora o a settembre? Questo è il problema. Ca’Farsetti ha però già votato regolamento e scadenze, fissando il termine ultimo di pagamento al 21 luglio.

Precedentemente la scadenza era stata fissata al 16 giugno, data ormai troppo vicina, ecco perché ieri i consiglieri comunali hanno deciso di concedere un altro mese ai veneziani per poter far fronte al pagamento.

Sono stati votati sia il regolamento, che le aliquote: le prime case pagheranno il 3,3 per mille (2,5 di Tasi e lo 0,8 per permettere l’introduzione delle detrazioni). Saranno esenti, attività produttive, nuovi residenti e chi sta restaurando l’alloggio.

Verranno inoltre applicati degli sconti. Chi ha un appartamento la cui rendita catastale non supera i 400 euro, avrà una riduzione di 140 euro, tra i 400 e gli 800 di 120 e tra gli 800 e i 1000 euro di 80. Inoltre, per chi ha figli che non hanno superato i 28 anni di età e vivono in famiglia ottiene un altra detrazione: 50 euro per ciascun ragazzo.

Per le seconde case, la situazione è diversa. L’aliquota complessiva sale all’11,4 per mille (l’8,1 dell’Imu e il 3,3 della Tasi complessivo anche della parte per finanziare gli sconti).

Queste le decisioni finali prese al termine di un incontro a Ca’Farsetti, che ieri è stato segnato da qualche polemica, ma nonostante gli scontri maggioranza ed opposizione hanno convenuto che la tassa è solamente un passo crudele nei confronti dei cittadini.

Nonostante ciò, è previsto che la Tasi porterà nelle casse del Comune, 21 milioni di euro, che contribuiranno a pagare i costi dell’illuminazione pubblica, dei servizi cimiteriali, del verde pubblico, della sicurezza urbana, dell’anagrafe e della protezione civile.

Nella provincia, ad aver già fissato scadenze ed aliquote, anche i comuni di: Portogruaro, Caorle, Cavallino Treporti, Cona, Eraclea, Quarto d’Altino, San Donà di Piave, Spinea e Santa Maria di Sala.

Sara Prian

[21/05/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

6 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Buon giorno una dimanda io ho 3 figli e una rendita catastale di 750 euro devo inserire entrambi le detrazioni grazie

  2. si elisabetta, a me è già arrivata la bolletta (ater) si paga a Veritas, il giorno prima era arrivata tares… sempre veritas…

  3. salve, io sono un’inquilina delle case dell’ater ,non ci capisco piu’ nulla, anch’io devo pagare la tasi

  4. ….ricordo che con l’ICI mia moglie disabile al 100% era totalmente esente….poi con l’IMU il ” sig. monti” se ne è strafregato facendogliela pagare di brutto!! Ora con la Tasi che si deve fare?? (mi riferisco ovviamente all’abitazione principale) grazie.

  5. a proposito di Tasi, per la mia abitazione ho una rendita catastale che non supera i 400 euri, ho una riduzione di 140 e 50 euri per figlio sotto i 28 anni. Domanda : devo fare lo stesso il modello F 24 ? Grazie

  6. Sono andato nel pallone :
    1 – Sulla mia prima casa a Mestre Pago la TASI (3,3 x mille) e la TARES (spazzatura VESTA) ?
    2 – Sulla seconda casa di Jesolo pago l’IMU come sempre, la TASI e la spazzatura(ALISEA) ? Oppure non pago più l’IMU come sempre, ma la TASI con l’aliquota (8,1 + 3,3) 11,4 x mille e la TARES (ALISEA)?
    ….. Per le due Tasi che devo calcolare vale sempre il moltiplicatore 160?
    …… per la seconda casa ci sono le detrazioni come per la prima?
    Saluti e Grazie mille

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.