20.4 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Spinea, violenza domestica contro moglie e figli: allontanamento dell’uomo

HomeViolenza contro le donneSpinea, violenza domestica contro moglie e figli: allontanamento dell'uomo

Spinea, violenza domestica contro la moglie e figli: allontanamento dell'uomo

I Carabinieri della Stazione di Spinea hanno eseguito un’ordinanza di allontanamento dalla casa familiare con divieto di avvicinamento, nei confronti di M.A di anni 59, del posto, disposta dal G.I.P. del Tribunale di Venezia, sulla base delle risultanze investigative avviate dai militari a seguito delle denunce presentate dalla moglie.

Una situazione di continui e pesanti atti di prevaricazione e violenze all’interno delle mura domestiche era emersa, ed essa vedeva anche come soggetti passivi i figli della coppia. Fatti che hanno portato non solo al procedimento penale in corso, ma all’applicazione della misura cautelare di prima istanza.

La moglie, succube del marito, aveva trovato la forza di presentare l’istanza della separazione, ovviamente mal accettata dall’uomo che per questo commetteva ulteriori azioni di violenza e di minaccia finalizzate ad intimorire la moglie e i figli. L’uomo pretendeva che fossero accettate le proprie condizioni di separazione, cioè quelle di non avanzare pretese di natura economica, e di rinunciare alla disponibilità della casa familiare, grazie ad una serie di condotte e atteggiamenti vessatori, atti di prevaricazione e violenze tale da ingenerare un costante stato di paura.

A seguito degli accertamenti svolti dagli investigatori, veniva richiesta dal P.M e convalidata dal giudice la misura cautelare che prescrive all’uomo di abbandonare l’abitazione famigliare associato al divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle vittime, in questo periodo non semplice, vista l’emergenza in atto, dato che ora l’uomo dovrà trovare un altro “rifugio” per poter trascorrere le giornate viste le prescrizioni imposte dalle Autorità.

Il contrasto alla violenza di genere e l’ascolto delle vittime di atti persecutori rappresenta per i Carabinieri una priorità istituzionale contrastata con ogni risorsa e mezzo messo a disposizione dalla legge.

Anche in questo periodo di “convivenza” forzata tra le mura domestiche i militari ricordano che non bisogna esitare e contattare i Carabinieri.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.