5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
17 C
Venezia
venerdì 23 Aprile 2021

Sgombero Muneghette, Gruppo 25 aprile replica a ‘Gente Veneta’: “Macché abusivi, povera gente sloggiata”

HomeAccoglienzaSgombero Muneghette, Gruppo 25 aprile replica a ‘Gente Veneta’: “Macché abusivi, povera gente sloggiata”

Sgombero Muneghette, Gruppo 25 aprile replica a ‘Gente Veneta’: “Macché abusivi, povera gente sloggiata”

Le persone che abitano il ‘Pensionato Muneghette’ si sono trovate un avviso attaccato alla porta ieri: “Non è più possibile accordarle la permanenza presso ‘Le Muneghette’…”, pertanto “La preghiamo di farsi trovare il giorno 4 dicembre (oggi, ndr) alle 17.30 presso la sede Caritas di Piazzale Roma, con le sue valigie, per essere accompagnato con i nostri mezzi fino all’hotel… (una struttura di Marghera, ndr)”.

Ma la vicenda viene raccontata ancora più complessa di quanto emerso finora. C’è chi dice che l’ospitalità a Marghera durerebbe circa un mese, cioè giusto il tempo di trascorrere le festività senza che sgomberi ne minino la serenità. C’è chi è sicuro che le persone siano state lasciate senza riscaldamento e senza acqua calda per settimane perché si convincessero ad andarsene. E addirittura chi parla di affitti riscossi senza rilascio di ricevute.

Cose alle quali è difficile credere, ma che costituiscono il triste epilogo di una questione dagli importanti risvolti umani che si vanno a scontrare con fredde questioni tecniche e di diritto.

Il complesso delle Muneghette deve essere sgomberato entro il 4 dicembre.
È quanto la Caritas comunica, tramite lettera, alle persone che lo starebbero occupando “abusivamente”.

La struttura di Castello – di proprietà dell’Ire e concessa in comodato gratuito alla Diocesi di Venezia – non garantirebbe più le condizioni minime di sicurezza e la stessa Caritas si sarebbe offerta di trasferire gli occupanti.

Questo è quanto ha riportato martedì mattina il giornale ‘Gente Veneta’ in un articolo che il Gruppo 25 aprile ha duramente contestato con una lettera aperta che ribatte punto per punto.

Innanzitutto, si specifica come le persone nella struttura non siano otto ma ben 16, tra le quali quattro bambini e due donne invalide, che dal 12 novembre vivono senza acqua calda, riscaldamento, gas e luce nelle parti comuni. Si passa poi all’uso dei termini: il Gruppo 25 Aprile trova la parola abusivi molto lontana dai valori cristiani e soprattutto non rispondente alla situazione, perché non è avvenuta alcuna occupazione abusiva: agli inquilini è semplicemente scaduto un contratto che ora non si vuol rinnovare.

L’accoglienza in un albergo di Marghera, poi, suonerebbe stonata in quanto limitata a un solo mese, cioè giusto il tempo di passare le feste senza problema. E poi? Senza contare che un trasferimento al di là del Ponte, vista la distanza da Castello, equivarrebbe a un vero e proprio sradicamento per chi vive, lavora, ha figli a scuola, in città. Il progetto di ristrutturazione dell’immobile, inoltre: “Non avrebbe ancora ricevuto il via libera dalla Soprintendenza” afferma il Gruppo, pertanto non sarebbe comprensibile quest’urgenza di liberare l’edificio.

Il Gruppo 25 Aprile ritiene che chi gestisce un bene di un Istituto Pubblico di Assistenza e Beneficienza (IPAB) debba ispirarsi ai valori di pietà e dignità umana: “Non a quelli del comunismo titino, perché l’ultimatum di 24 ore fu dato nel 1946 agli Italiani di Pola”.

Attraverso il suo sito ufficiale, il Patriarcato di Venezia ha ribadito la volontà di trasformare “Le Muneghette” in luogo di accoglienza, con dieci piccoli alloggi che verranno destinati per periodi di 6-12 mesi a persone in stato di disagio.

“Non si discute sulla bontà del progetto – afferma Gasparinetti, portavoce del Gruppo -, ma su quali persone in stato di disagio debbano essere aiutate, visto che dentro lo stabile ve ne sono già 16”.

Nino Baldan

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
spot
Advertisements
sponsor