Se nascerai donna, la raccolta di scritti sulle donne di Oriana Fallaci

28

se nascerai donna oriana fallaci

 

Quando scoprii Oriana Fallaci per me, che ho sempre sognato di scrivere e raccontare, fu come trovare la pentola d’oro alla fine dell’arcobaleno. Ero adolescente e Lettera ad un bimbo mai nato mi aveva colpito così profondamente, non solo nel testo, ma proprio nel modo di narrare le emozioni di sofferenza e gioia. Trovarmi davanti, grazie a Rizzoli, ad una raccolta di interviste e reportage sulle donne e per le donne con Se nascerai donna è stato, nuovamente, come bagnarsi gli occhi e le mani nell’oro.

Questi articoli, così perfettamente raccolti in un percorso che ci fa scoprire anche l’evoluzione del modo di narrare della Fallaci, ci raccontano del mondo e del mondo vista dalle donne, facendoci perdere più che in articoli, in piccoli grandi mini romanzi.
Di questi tempi quando ci troviamo davanti ad un articolo, finiamo il più delle volte a leggere il titolo e il sottotitolo e poi andiamo avanti. Questo perché molti articoli sono freddi, poco coinvolgenti e riportano solamente i fatti. La Fallaci, invece, da quale grande storyteller che era, ci porta all’interno dei suoi reportage e dei suoi incontri, regalandoci il suo personale punto di vista ma permettendoci anche di farci il nostro, attraverso dettagli che molti cancellerebbero come superflui alla fine del racconto.

Prendiamo ad esempio la sua intervista con Coco Chanel. Siamo abituati ad un cappello introduttivo e poi al classico domanda e risposta. Qui invece veniamo introdotti attraverso quella che possiamo definire una short stories nel mondo di Chanel, capiamo il suo carattere, il suo modo di rispondere e, alla fine, sembra che l’abbiamo incontrata anche noi.
La raccolta che ci offre Rizzoli è un libro prezioso perché ci insegna a raccontare, a riportare le cose e per farle arrivare dritte al cuore, ci insegna il modo di coinvolgere chi sta leggendo. E questo è ancora più importante nel 2019, quando il tempo per leggere ormai si è più che dimezzato e per tenere qualcuno a leggere abbiamo bisogno di essere dei veri artigiani della parola, come lo era Oriana Fallaci.

Se nascerai donna è una di quelle opere che quest’anno sotto l’albero non possono mancare. Per imparare ad essere coraggiose (ma anche coraggiosi) e non aver timore di raccontare il mondo che vediamo attraverso i nostri occhi.

Sara Prian

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 
Alice Bianco Sara Prian
Laureate in Tecniche Artistiche e dello spettacolo, sono grandi esperte di cinema e libri. Curano la rubrica di opere letterarie: recensioni editoriali, rassegne e nuove uscite. Sono Editor, Social Media Manager, Copywriter E' possibile contattarle a: pandorarecensioni.vdv@gmail.com

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here