COMMENTA QUESTO FATTO
 

roma 2-1 contro lazio estintori rincole battaglie tifosi
La Lazio ha perso in cinque giorni la finale di Coppa Italia e il derby. Ora per i biancocelesti si complica anche la conquista del terzo posto che dovrà difendere a Napoli. Gli basta un pareggio, ma la squadra di Benitez ha fatto dell’imprevedibilità la sua forza quest’anno.
La Roma si presenta all’Olimpico con una faccia nuova: Rudi Garcia ha aspettato con nove uomini dietro la palla per un’ora, poi, quandfo ha capito che la Lazio cominciava a pagare la fatica della finale di Coppa Italia ha colpito, anche e soprattutto con i cambi: 1) Pjanic, 2) Ibarbo e Iturbe è andato a fare il centravanti, così la Roma ha giocato quindici metri più alta.
Finisce 2-1 per la Roma, mentre tutti fanno finta di ignorare o dimenticare quanto successo fuori dallo stadio negli attimi precedenti e successivi la partita.
Lungotevere coperto di bengala e gli abitanti di ponte Milvio in fuga negli androni dei palazzi per ripararsi dalla furia dei teppisti, ma anche per non rimanere bloccati in mezzo alle cariche delle forze dell’ordine. Un pomeriggio di ordinaria violenza prima e dopo il derby, fatto giocare di giorno proprio per limitare i rischi.
Prima dell’inizio della partita gli gli agenti della Polizia di Stato hanno effettuato una serie di bonifiche intorno allo stadio controllando aiuole, secchioni dell’immondizia, tombini, e tutti quei posti idonei per l’occultamento di oggetti pericolosi. Durante le verifiche, in largo Maresciallo Diaz e via di Lariano, nascosti tra le siepi, sono stati rinvenuti e sequestrati una serie di oggetti tra cui, un casco da motociclista, una catena, un estintore, un coltello da cucina due roncole un crick e una valigia trolley con all’interno numerosi barattoli di alluminio.
Le ultime edizioni delle sfide fra Lazio e Roma sono state costellate da scontri e feriti, mai tuttavia, almeno di recente, i coltelli erano stati sfoderati per uccidere. Ieri sì, con due romanisti — con la maglia giallorossa addosso — accoltellati.
Massimo Ceci, 38 anni, è in prognosi riservata al Policlinico Gemelli. Con un amico trentenne è stato circondato e colpito alle 16.20 nei pressi dell’Olimpico da una ventina di giovani con le sciarpe della Lazio. L’amico è stato dimesso con pochi giorni di prognosi mentre Ceci non rischierebbe la vita.
IL derby Lazio Roma è stato preceduto anche da scene di guerriglia urbana, con la polizia che usa più volte gli idranti per disperdere oltre ponte Duca d’Aosta un migliaio di ultrà giallorossi che voleva scontrarsi con i laziali sul lungotevere Diaz. A Ponte Milvio tifosi biancocelesti hanno tirato bombe carta e bottiglie contro le forze dell’ordine.
Cronaca di un pomeriggio di calcio?

Roberto Dal Maschio

26/05/2015

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here