6.1 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Rione Pertini e le assemblee contro le occupazioni abusive

HomeMestre e terrafermaRione Pertini e le assemblee contro le occupazioni abusive
la notizia dopo la pubblicità

riunione scuola assemblea classe

Di difficile sintesi, ma di pregnante attualità e richiamo, i ragionamenti che sono emersi durante l’Assemblea dei residenti del Rione Pertini, che hanno riguardato la casa, le occupazioni indebite da parte chi è entrato senza diritto in una abitazione.

Dalla Sala del Circolo Auser, gli abitanti del rione hanno manifestato a gran voce il disagio, a loro giudizio non più tollerabile, che sono costretti a vivere e non hanno mancato di annunciare un esposto in Procura per denunciare le irregolarità.

Oltre un centinaio di persone, hanno voluto esprimere il loro malessere e nello stesso tempo rassicurare sulle loro intenzioni. Vogliono reagire nel modo più democratico possibile: “Non useremo linguaggi, né tantomeno mezzi diversi da quelli consentiti, chiediamo solo rispetto e giustizia”, hanno assicurato.

Per meglio interagire con i problemi del territorio, i residenti hanno aderito al progetto ‘Rete di controllo del vicinato’, per dare corpo ad un sistema di vigilanza verso occupazioni di case pubbliche, comunali e Ater, talvolta di difficile possibilità di convivenza. Intendono richiamare alla responsabilità civica di tutti e di ognuno, i problemi della collettività, senza mancare di aprirsi alla solidarietà e alla tolleranza.

Non sono mancate note originali e colorate sugli strumenti di controllo, potrebbe essere una tromba, che annuncia l’occupazione e dar vita alla sensibilizzazione di un problema che sono gli enti pubblici a dover interpretare e risolvere.

Le case occupate sono una dozzina e le sfitte circa 20 e il portavoce dell’assemblea Giorgio Rocelli, facendo appello alla legalità, sollecita, con la condivisione piena degli aderenti, il rispetto delle graduatorie di diritto per le assegnazioni previste per legge.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso, sembra essere un’esperienza negativa vissuta sabato scorso con un gruppo di occupanti che durante la notte hanno disturbato: è intervenuta la polizia, che ha sloggiato anche le donne e i bambini. Gli abitanti del Rione Pertini rimpiangono i bei tempi, quando più di trent’anni fa, data di nascita del quartiere, ‘si stava tranquilli, si viveva in pace’.

La casa, l’abitare, talvolta è una vera e propria guerra tra poveri, un valore inestimabile, come la garanzia di un tetto, dovrebbe interessare a trecentosessanta gradi le pubbliche istituzioni, che così farebbero anche un’azione preventiva, su tensioni e problemi che possono rivelarsi davvero inquietanti. Non sono le Forze dell’Ordine a dover difendere il diritto alla casa, ma le politiche abitative adeguate, che dovrebbero raggiungere ‘in qualche modo’ e attraverso azioni specifiche anche quel mondo sommerso dei non aventi diritto (disoccupati, senza fissa dimora, rom, persone sole, donne con bambini) e cercare qualche soluzione atta a decongestionare situazioni difficili.

Andreina Corso

(foto di repertorio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Venezia: da oggi mascherine all’aperto in certe aree. Ecco dove

Venezia: allargamento dell’obbligo dell’uso di mascherine all'aperto alle aree della movida e nelle piazze. Dal 6 dicembre Green Pass obbligatorio fin dai pontili degli imbarcaderi per favorire i controlli a campione

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...