26.4 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Ubriaco rapina l’Eurospar: aggredisce un addetto e rifiuta la mascherina

HomeAggressioneUbriaco rapina l'Eurospar: aggredisce un addetto e rifiuta la mascherina

Ubriaco rapina l’Eurospar e poco prima era passato anche all’In’s.
Ieri pomeriggio, nel centro di Mestre, intorno all’una, le volanti sono intervenute al supermercato In’s di via Carducci, poiché era stato segnalato un soggetto molesto che aveva creato disturbo all’interno del negozio.
Giunti sul posto, i poliziotti hanno appreso che il soggetto, dopo essersi allontanato dall’In’s, si era diretto al supermercato Eurospar, situato di fronte all’altro, dove ha cercato di rubare due

bottiglie di liquore, nascondendole sotto il giubbino.
L’uomo, dopo essersi diretto all’uscita del supermercato senza pagare, è stato notato e fermato prima dagli addetti alla sicurezza, a cui ha sferrato un pugno, per essere poi bloccato dagli agenti di polizia che intanto erano giunti sul posto.
Durante le fasi dell’identificazione l’uomo, palesemente ubriaco, ha avuto un comportamento aggressivo, e ha cercato più volte di colpire i poliziotti, rifiutandosi categoricamente di indossare il dispositivo di protezione per il contenimento dei contagi da coronavirus, la mascherina

chirurgica.
Il soggetto è stato identificato come L.J. cittadino ceco, di 41 anni, senza fissa dimora e con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio. L’uomo è stato arrestato per i reati di tentata rapina impropria, lesioni personali, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato.
Il Pm di turno, avvisato dell’arresto, ne ha disposto il fermo nelle

camere di sicurezza della Questura, in attesa dell’udienza di convalida e del rito direttissimo che si è tenuto questa mattina e che ha visto l’uomo condannato a due anni di reclusione e 600 euro di multa, con la sospensione condizionale della sola pena detentiva.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.