22.8 C
Venezia
venerdì 30 Luglio 2021

Pellestrina, la fermata Actv diventa Cimitero

HomeLido di VeneziaPellestrina, la fermata Actv diventa Cimitero

fermata actv pellestrina cimitero

E’ scoppiato il caos: lettere di protesta, segnalazioni ai giornali, reclami e strali: è accaduto che Actv ha rinominato con il nome di «Cimitero» l’unica fermata di Pellestrina.
Gli abitanti di Pellestrina non sono morti!

L’immagine, è inutile dirlo, ha fatto il giro della rete, postata sul gruppo Facebook «Pellestrina: ieri, oggi, domani» scatenando proteste corali di abitanti e Municipalità.
«Siamo un’isola non un campo santo», si legge tra i commenti, indignati, online.

Il problema era già emerso un anno fa e la Municipalità aveva approvato all’unanimità una mozione per imporre all’azienda di invertire il peso delle scritte: il nome dell’isola doveva essere più grande di «cimitero». Una cosa anche logica. Ora, invece, ” Pellestrina ” si legge piccolissimo, mentre “Cimitero” campeggia.

Ma c’è anche chi segnala che si perde tempo dietro a problemi, tutto sommato, di poco conto, mentre altri, ben più importanti, sfuggono all’attenzione collettiva. Come Nadia Gavagnin che commenta:
“perchè non viene scritto sul giornale anche dei disagi che ACTV ha creato a NOI di Pellestrina con la riorganizzazione delle linee girocittà? Perchè la municipalità ha votato a favore dei Tagli alle linee 5 e 6?? Si muovono per una “scritta” che porta sicuramente dei COSTI….. ma per le cose veramente serie???? mah….”

Giorgia Pradolin

[22/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.