5.9 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Parcheggiano nei posti per disabili con il pass del nonno morto

HomeCittà Metropolitana di VeneziaParcheggiano nei posti per disabili con il pass del nonno morto
la notizia dopo la pubblicità

parcheggio abusivo sui posti per disabili pass falso controlli vigili

Alcuni hanno conservato il pass del nonno morto, altri invece lo hanno preso in prestito dal fratello o dal cugino disabile e tutti, nonostante i divieti, lo hanno usato per sostare sulle strisce gialle evitando così di pagare il «gratta e parcheggia» o rischiare la multa.
Colti in flagrante, tutti hanno perso tra i 2 e i 4 punti dalla patente e sono stati multati con sanzioni tra i 41 e gli 84 euro.

Usare il pass disabili irregolarmente sembra sia una cattiva abitudine di parecchie persone: da qualche tempo, infatti, il personale della Sezione di Mestre e della Sezione di Piazzale Roma della Polizia municipale ha intrapreso un’operazione mirata di controllo dei veicoli che utilizzano il contrassegno disabili per sostare e circolare.

E’ così che gli agenti hanno accertato in pochi giorni ben 17 violazioni al Codice della strada, con sanzioni che prevedono da 41 a 84 euro e la decurtazione da 2 a 4 punti dalla patente di guida: le vetture sanzionate, tutte rimosse dagli appositi stalli di sosta, in quattro casi utilizzavano dei contrassegni falsi che sono stati sequestrati; in altri casi i pass disabili erano intestati a persone decedute anche da anni; in altri ancora erano intestati a persone ospiti di case di riposo anche fuori provincia o in uso ad amici compiacenti che “prestavano” il contrassegno a famigliari e amici.

Articolato l’identikit di questi automobilisti, tutti italiani: dal proprietario (più spesso proprietaria) di Suv o Mercedes o Porsche a quello dell’utilitaria; automobili condotte dal musicista o dal libero professionista piuttosto che dalla casalinga, dalla psicologa, dal disoccupato o dall’insegnante. Sempre risibili e imbarazzate le giustificazioni date agli agenti.

“Molte persone, che godono della fortuna di non dover convivere ogni giorno con la disabilità, paiono non accorgersi delle strisce gialle col simbolo della carrozzina sull’asfalto e di quanto importante sia l’area di parcheggio destinata alle persone diversamente abili” – scrive in una nota il comandante generale della Polizia municipale, Luciano Marini. “Il malcostume e la mancanza di rispetto si manifestano nei parcheggi per disabili, anche dove la legge garantisce dei diritti, prevede delle tutele e stabilisce precise sanzioni per punire i trasgressori. Molti altri invece abusano del titolo derivante dalla malattia ponendo in essere l’odioso comportamento di chi sfrutta l’invalidità di un parente a proprio vantaggio”. Marini rende noto che i controlli mirati proseguiranno senza interruzione.

Redazione

[16/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Vaporetti Actv Venezia: torna la Linea 2 fino a Lido

Actv implementa più corse: Linea 2 adesso arriva fino a Lido e ci sono corse supplementari 5.1 2 5.2.

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Amira Willighagen: il video della bambina di 9 anni che fa sbiancare i giudici di Holland got talent

Amira Willighagen è una bambina olandese assolutamente normale, se non fosse per il fatto che ha un dono eccezionale, e il video qui sotto lo sta a dimostrare. Per lei si sono scomodati i più famori critici internazionali, e c'è chi addirittura...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...