27.3 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Palazzo Cini a Venezia, torna ad aprire per almeno 6 mesi all’anno

HomeNotizie Venezia e MestrePalazzo Cini a Venezia, torna ad aprire per almeno 6 mesi all'anno

palazzo cini

Capolavori della pittura toscana e ferrarese dal Trecento fino al Rinascimento che vengono restituiti a Venezia con la riapertura di Palazzo Cini a San Vio.

I quadri di Guariento, Botticelli, di Piero della Francesca, solo per fare alcuni nomi, sarà possibile visitarli dal prossimo 24 maggio fino al 2 novembre.

Il Palazzo è una casa-museo appartenuta al conte Vittorio Cini che mise insieme capolavori di arte antica e che poi i suoi eredi hanno donato alla Fondazione Cini. Per tutti questi anni la struttura è rimasta lì, inutilizzata e, quindi, chiusa al pubblico, per problemi economici e logistici.

Ma ora grazie all’aiuto del direttore dell’Istituto di Storia dell’Arte Cini, Luca Massimo Barbero, si potrà tornare a visitare giusto in tempo per i 30anni dalla sua prima apertura.

Altro incentivo per tornare ad aprire il Palazzo lo ha dato il grande successo avuto l’anno scorso, quando la struttura ha ospitato il padiglione dell’Angola per la Biennale d’arte, registrando 45mila visitatori, molti dei quali incuriositi anche dalla possibilità di dare una sbirciatina alle opere raccolte dal conte Cini.

Determinante per l’apertura del Palazzo, per almeno 6 mesi l’anno, oltre agli eredi di Cini, l’aiuto di Assicurazioni Generali che finanzierà la nuova illuminazione al led che verrà anche applicata ai dipinti, per poterli osservare al meglio.

Per l’occasione, inoltre, si potrà ammirare ‘Il ritratto di giovane con liuto” del Brozino che arriverà come ospite d’onore direttamente dagli Uffizi. L’idea è quella di avere tutta una sezione intitolata ‘L’ospite a Palazzo’ con opere prestate da altri musei che varieranno di periodo in periodo.

Redazione

[23/05/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.