Padova e le ragazze violente, presi di mira turisti veneti

ultimo aggiornamento: 13/04/2015 ore 20:08

115

polizia giorno VTREG

Grave episodio di bullismo quello accaduto sabato sera a Padova, all’uscita dalla Cappella degli Scrovegni. Un gruppo di ragazzi tra i 18 e i 24 anni hanno circondato un gruppo di turisti veneti, in attesa di entrare a visitare la Cappella e li hanno minacciati con spintoni e provocazioni, fino ad insultarli. I maltrattamenti sono conclusi solamente con l’allarme di un funzionario della questura che ha assistito alla scena.

Erano passate da poco le 20, quando una donna di 67 anni residente a Mirano ed in visita a Padova con una comitiva, è stata accerchiata da queste ragazze violente davanti al bar Corso, adiacente la Cappella. Le tre ragazze le hanno sbarrato la strada ed hanno iniziato a offenderla, spintonandola.


Per fortuna in quel momento passava di lì un funzionario della Divisione anticrimine della polizia, che accortosi di quanto stava accadendo ha dato l’allarme. In attesa che arrivasse una pattuglia, è intervenuto per far smettere il gruppo.

Le giovani poi sono state portate in questura ed identificate. Due di loro, una 20enne ed una 23enne sono padovane e già conosciute per fatti simili, gli altri sono due vicentini: una ragazza 20enne e un 24enne di origini colombiane. Tutti sono stati denunciati per percosse, ingiurie e violenza privata e per i due vicentini, è stato anche firmato il foglio di via da Padova.

La Questura, attraverso il commissario capo Valeria Pace, dirigente dell’Ufficio volanti, ha invitato chiunque fosse stato vittima o vedesse episodi simili, in particolare con queste ragazze protagoniste, di segnalare immediatamente l’accaduto al 113.


Sara Prian

13/04/2015

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here