0.2 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Omicidio Meredith, Amanda: ‘Non torno in Italia’

HomeCronacaOmicidio Meredith, Amanda: 'Non torno in Italia'
la notizia dopo la pubblicità

amanda knox omicidio meredith

Omicidio Meredith: Il processo torna in aula. A Firenze si è aperto il nuovo appello, dopo l’annullamento da parte della Cassazione, della sentenza perugina di secondo grado con cui Amanda Knox e Raffaele Sollecito vennero assolti. Un nuovo capitolo in cui, già nella prima udienza, i giudici fiorentini potrebbero decidere di riaprire il dibattimento e disporre nuove perizie.

La suprema Corte ha infatti suggerito di analizzare la terza traccia di Dna trovata sul coltello sequestrato in casa di Sollecito (secondo l’accusa si tratterebbe dell’arma del delitto) e di chiamare nuovamente a testimoniare Luciano Aviello, l’ex collaboratore di giustizia che prima accusò dell’omicidio il proprio fratello e poi ritrattò, finendo indagato per calunnia. Anche nelle numerose memorie depositate dalle difese c’è la richiesta di riascoltare i testimoni e di ordinare nuovi accertamenti scientifici.

300 giornalisti accreditati per raccontare il processo seguitissimo. Così, “per assicurare un sereno svolgimento del dibattimento” la Corte ha disposto misure rigide di comportamento in aula dove, tra l’ altro, non si potrà stare in piedi nè telefonare”.

Amanda Knox, che si trova nella sua università a Seattle, ha affermato in un’intervista: “Non tornerò in Italia anche perché la mia presenza è sempre stata elemento di distrazione in aula. E’ incredibile quante volte si è parlato di ciò che indossavo, di come mi acconciavo i capelli o se sorridessi o no ai miei genitori rispetto alle prove del caso. Non tornerò per evitare quel circo”.

La famiglia di Meredith Kercher, nel frattempo, ha chiesto ad Amanda Knox di non recarsi sulla tomba della ragazza. In un appello diffuso alla vigilia del nuovo processo di appello contro Amanda Knox e Raffaele Sollecito, la famiglia Kercher ha espresso la propria contrarietà a un’eventuale visita della studentessa di Seattle, che avrebbe espresso tale desiderio. “Alla sua famiglia ci sono voluti quasi cinque anni per iniziare a sentirsi pronta a lasciar riposare Mez ed è ancora oggi molto doloroso – si legge nell’appello – tuttavia, oggi lei ha un posto vicino a noi che noi e i suoi amici possiamo visitare per portare fiori e trascorrere del tempo…. la sua tomba è oggi il suo luogo sicuro per riposare in pace e stare con noi e noi speriamo che sia rispettato da tutti”.

Giorgia Pradolin

[30/09/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi