COMMENTA QUESTO FATTO
 

Nigeriano con coltello fa il finimondo, staccato orecchio a poliziotto

Un nigeriano armato di coltello ha fatto un finimondo che è durato per un’intera notte. Alla fine, la vicenda si è conclusa con l’arresto dello straniero per tentato omicidio dopo una intera notte trascorsa tra trattative, colluttazioni e coltellate e che hanno visto protagonisti da una parte gli agenti della polizia di Stato e dall’altra il nigeriano di 31 anni, che si era barricato in casa con la moglie e tre figli piccoli.

Il fatto è avvenuto a Firenze, dove un poliziotto è rimasto ferito da un fendente che gli ha staccato una parte di orecchio ed altri due si sono salvati dalle coltellate solo grazie al giubbotto antiproiettile.

Tutto è cominciato ieri sera verso le 23, quando una pattuglia è intervenuta in via Toscanini, alla periferia nord della città, dove i condomini avevano segnalato un pesante alterco tra il nigeriano ed una donna straniera che vive nel condominio.

All’arrivo degli agenti i due erano rientrati nei loro appartamenti, ma quando hanno tentato di parlare con l’uomo hanno capito che era chiuso in casa, armato di coltello, con la moglie ed i tre figli di tre mesi, e di due e quattro anni.

Inutili i tentativi di convincerlo, fino a quando gli agenti, con un blitz, sono entrati da una finestra e c’è stata una colluttazione dove un poliziotto è stato ferito prima al sopracciglio e poi con da coltellata all’orecchio, ferita per la quale è stato necessario un delicato intervento chirurgico.

Altri due agenti hanno evitato le coltellate grazie agli indumenti pesanti e al giubbotto antiproiettile.

Il nigeriano si è quindi barricato in una stanza con la famiglia e solo questa mattina, dopo una notte di trattative, attorno alle sette, un poliziotto è riuscito a convincerlo ad uscire: subito arrestato.

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

Riproduzione Riservata.

 

Una persona ha commentato

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here