Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
15.9C
Venezia
lunedì 01 Marzo 2021
HomeNotizie Venezia e MestreNavigazione e trasporti a Venezia sono pericolosi. Confartigianato lancia allarme

Navigazione e trasporti a Venezia sono pericolosi. Confartigianato lancia allarme

Navigazione e trasporti a Venezia sono pericolosi. Confartigianato lancia grido d'allarme

Canali perennemente intasati, le poche rive riservate ai trasportatori quasi sempre occupate anche da altri operatori e nessun intervento di manutenzione ordinaria e tantomeno straordinaria realizzato negli ultimi mesi.

In vista dell’estate la situazione rischia di peggiorare e Confartigianato lancia un grido d’allarme. La situazione con cui ogni giorno vivono i trasportatori lagunari e tutti gli operatori che utilizzano la barca per lavoro sfiora rischi e pericoli.

Il periodo di ‘ambientamento’ dell’amministrazione Brugnaro dovrebbe essere terminato. “Qualsiasi buon amministratore – accusano i trasportatori merci aderenti a Confartigianato Venezia – avrebbe non solo colto nel brevissimo periodo le criticità della viabilità ma avrebbe anche fatto il possibile per tacconare le situazioni più assurde, dando una priorità e una tempistica alla soluzione dei problemi che ogni giorno sono sotto gli occhi di tutti. Invece sembra che gli unici segnali amministrativi siano qualche sanzione ‘spot’, qualche ordinanza che norma qualche evento sportivo o qualche lavoro di una certa rilevanza e nient’altro. Andare avanti così è sempre più insostenibile”.

“Noi siamo e sempre saremo per la regolarità su tutti i fronti – precisa Emiliano Ghira, Vice presidente dei trasportatori di Confartigianato Venezia – abbiamo anche investito recentemente sulla formazione dei dipendenti con “corsi radar” ma più di qualche volta mi chiedo che senso abbia investire nella sicurezza quando appena sali in barca inizia la deregulation più totale”.

“Nessuno ha la pretesa di voler insegnare niente a nessuno – sbotta Massimiliano Brusato, Presidente dei trasportatori di Confartigianato Venezia – ma a questo punto l’amministrazione dica chiaramente che il traffico acqueo non è una priorità, anche se ciò stride fortemente con quanto sostenuto in campagna elettore”.

Ad oggi di quanto promesso in campagna elettorale agli operatori merci, non è stato mantenuto praticamente nulla, vuoi perché non ci sono le risorse, vuoi perché queste a volte vengono dirottate per iniziative ritenute più’ importanti. Dall’incontro con tutte le categorie convocato da Brugnaro a febbraio per esporre e condividere le proposte sul traffico acqueo non vi sono poi stati seguiti, nonostante fosse stato annunciato come “il primo di una lunga serie di incontri proficui e risolutivi dei problemi della logistica e della viabilità di Venezia”.

“Da trasportatore e piccolo imprenditore – precisa Emiliano Ghira– trovo veramente assurdo che si debba operare nel 2016 come si operava 100 anni fa, con una banchina pubblica fatiscente e, da quanto ho appreso dalla stampa, pure assegnata con una procedura quanto meno dubbia”.

Andare avanti così è impossibile, oltre che pericoloso, e gli stesse trasportatori giustificano l’esposto depositato da alcuni gondolieri che si trovano inevitabilmente ad operare in balia di troppe barche, spesso ad una velocità superiore al limite, non solo private ma anche pubbliche.

«Se potessimo scaricare in più rive oggi rese inaccessibili e con strutture quantomeno decenti – chiude Brusato – il nostro lavoro terminerebbe molto prima, ciò significa che nei punti critici del Canal Grande zona Rialto, nel tratto tra piazzale Roma e l’imboccatura del rio di Noale, ma anche nel rio di Cannaregio e nel rio Novo o nell’area di San Marco, i trasportatori si ridurrebbero del 60%”.

I provvedimenti adottati a seguito della tragedia di tre anni fa a Rialto con la morte del professore tedesco Joachim Vogel invece hanno portato ad un aumento del traffico, significa che gli stessi risultano inefficaci e i trasportatori sostengono la mancanza di una competenza e conoscenza sulle modalità di carico/scarico delle merci/persone e il successivo smistamento.

L’allarme dei trasportatori di Confartigianato Venezia: “Dal momento che la situazione è peggiorata e gli strumenti di regolamentazione del traffico si sono dimostrati di un pressapochismo preoccupante, non resta che sperare che urti e tamponamenti tra imbarcazioni (che avvengono quotidianamente) non portino ad ulteriori tragedie”.

Redazione | 12/06/2016 | (Photo d’archive) | [cod traspove]

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.