Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
5.7C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021
HomeCinemaLa Mostra del Cinema ci consegna la vita di Nick Cave

La Mostra del Cinema ci consegna la vita di Nick Cave

 

E così anche il 2016 ci consegna definitivamente la sua edizione della Biennale del cinema di Venezia.

Ho praticato il Lido a più riprese, cercando di vedere ciò che i miei tempi mi han permesso di vedere e ho anche cercato di vivere l’atmosfera della Mostra, sguazzando in lungo e in largo tra le sale, alcune gelate, altre caldissime, tra novità e restauri (delizioso il recupero di “Dolce Veleno” di Noel Black). Più come un semplice osservatore che come recensore cinematografico. D’altronde la Mostra è piena di esperti cinefili ben più addestrati del sottoscritto; talvolta si tratta di elementi che starebbero bene nei manuali di patologia.

La mia impressione è stata quella di una Mostra non molto vivace, un riflesso di una stanchezza diffusa e che va oltre il mondo del cinema. Certo una stanchezza che molti avran provato alla visione del film vincitore di questa edizione, il film-monstre di Lav Diaz, regista filippino. Anche se stavolta il suo “The women who left” dura solo circa quattro ore, contro i quasi 600 minuti dei suoi lavori precedenti. Una scelta d’arte, diciamo; anche se a mio parere la pellicola viaggia su coordinate prevedibili per un tipo di cinema che trovo di genere tanto quanto possono esserlo a loro modo i western o la fantascienza.

Ma la mostra di Venezia ci ha regalato un momento di rarissima, annichilente intensità con un documentario sul grande musicista Nick Cave. Fuori concorso, diretto da Andrew Dominik, regista di “L’assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford”questo ritratto dell’artista australiano coglie il musicista a un anno dalla dolorosa morte del figlio, precipitato da una scogliera. “One more time with feeling”è un esempio da manuale su come un regista dovrebbe entrare nell’universo di un uomo e nel segreto dell’opera d’arte.

La vita di Cave è stata radicalmente trasformata dal lutto e il dolore e il muro dell’irreversibilità

The Moviegoer, appunti di uno spettatore cinematografico. Di Giovanni Natoli.

delle cose son state depositate in un album straordinario, “The skeleton tree”, raccolta di cocci esistenziali e ricerca di senso nel non senso del buio della morte: incisione la cui energia emana potentemente, ammaliando e lacerando l’ascoltatore.
E proprio la disperazione e i faticosi tentativi di controllarla da parte dell’uomo Cave emergono netti dal documentario.

Il volto ormai simile a quello di un Lee Marvin con troppe poche ore di sonno, Principe della parola in musica, sino a finirne sopraffatto ad un certo punto della carriera; fautore di una insuperata miscela di noir e Antico Testamento, la produzione artistica di questo Jim Morrison ripassato nel whiskey Dashiell Hammett viene ora a trovarsi in un momento di totale disarmo.

Dominik ha la finezza di saper mettere in scena questo cumulo di parole, pensieri, riflessioni, annaspamenti, frantumi ( guardate gli occhi di Cave durante il documentario per capire l’entità della tragedia). Da questo documentario riusciamo ad apprendere molte cose: il modo giusto di mettere in scena una “viscera” di un artista”, la capacità di ritrarre la musica nel farsi, il miracolo della creatività che in questo anno per Cave ha preso delle coordinate impreviste, aprendosi alla improvvisazione (e in questo il suo straordinario sodale Warren Ellis, da anni compagno artistico e amico di Nick Cave viene perfettamente ritratto nel ruolo di rammendatore di frammenti dispersi).

Ci sarebbero tante, tante cose da dire su questo magistrale documento che ha solo due piccolissime pecche: un breve passaggio finale a colori (il film è abbacinato in uno stupendo BN) e qualche minuto finale di troppo. Ma sarebbe davvero troppo lungo fare una disamina articolata su una discesa nello spirito di una famiglia a pezzi. E comunque, e in quei momenti il 3D si rivela fondamentale per esaltare i movimenti di macchina, abbiamo il trionfo della musica. Così bella, così profonda e vera come da tempo non si sentiva in un album di Nick Cave. Imperdibile.
Nelle sale italiane il 27 e 28 settembre

ONE MORE TIME WITH FEELING (2016)
regia: Andrew Dominik
con Nick Cave

 

giovanni natoli cinema film

 

Giovanni Natoli

16/09/2016

Riproduzione vietata

 

 

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, era in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.