25.6 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Mose: Corte dei Conti dispone sequestro di oltre un milione di euro

HomeScandalo MoseMose: Corte dei Conti dispone sequestro di oltre un milione di euro

Mose: Corte dei Conti dispone sequestro di oltre un milione di euro, 1,2 milioni per l’esattezza. Si tratta di un pignoramento eseguito questa mattina dalla Guardia di Finanza in relazione all’ultimo atto dell’inchiesta sull’opera a paratie mobili.
La Guardia di finanza di Venezia ha dunque proceduto al pignoramento, su disposizione dei Magistrati della Corte dei conti, di beni per 1,2 milioni di euro.

Il sequestro, legato al malaffare durante la realizzazione dell’opera, riguarda denaro, quote societarie, crediti presso terzi e quote di pensione nei confronti dell’ex Presidente del Consorzio Venezia Nuova (CVN) Giovanni Mazzacurati (a sinistra nella foto), condannato per il danno erariale arrecato al Provveditorato Interregionale delle Opere pubbliche per il Triveneto connesso al sistema di tangenti erogate a 8 pubblici ufficiali implicati.
Parallelamente, è stato instaurata dalla stessa Procura contabile un’azione per sequestrare una casa a Cortina d’Ampezzo che Mazzacurati aveva venduto nel quinquennio antecedente alla condanna erariale, per un valore di circa 2, 5 milioni di euro.

I provvedimenti costituiscono l’ultimo atto delle azioni di responsabilità per danno erariale promosse dalla Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale della Corte dei Conti del Veneto in relazione alle indagini penali concernenti lo “scandalo Mose“, che avevano permesso di individuare un articolato sistema finalizzato alla creazione di fondi neri, mediante l’emissione e l’utilizzo di false fatture per operazioni inesistenti sui materiali necessari per la costruzione dell’opera, attuato per alimentare un vasto apparato di corruzione.

» ti potrebbe interessare anche: “Video del pagamento della mazzetta in pizzeria per lo scandalo del Mose

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.