montagna dolomiti

Incidente mortale questa mattina sulla ferrata Dibona, un alpinista è morto lungo la via ferrata nelle Dolomiti e altri due sono rimasti feriti.

L’incidente è avvenuto verso le ore otto sulla ferrata Dibona, nell’area del Passo Tre Croci nel Bellunese.

Subito sono intervenuti i soccorsi, anche un elicottero di Aiut Alpin. Per l’uomo non c’è stato niente da fare e al momento non si conosce l’identità degli alpinisti né la dinamica dell’incidente.

Redazione

[19/06/2014]

Riproduzione vietata

6 persone hanno commentato questa notizia

  1. Ma quanti sapienti che pontificano. Cosa ne sapete della persona e della sua preparazione. Sicuramente amava la montagna. Silenzio e rispetto. Un pensiero a lui e alla sua famiglia. Sono morti in ferrata anche grandi alpinisti.

  2. Non si trattava della FERRATA Dibona sul Cristallo ma della VIA Dibona sulla Cima Grande di Lavaredo. L’alpinista corata 26enne è deceduta per assideramento dopo aver passato la notte in quota ad una temperatura di circa -4°C.
    Poi si può anche specificare che ferrata non è sinonimo di alpinismo. Solo di escursionismo avanzato ma nulla più. La montagna vivrebbe meglio senza le ferrate.

  3. La ferrata Dibona è una bella ferrata con qualche punto un po esposto, ma sicuramente facile e poco impegnativa, forse questa sua facilità la rende pericolosa dalle persone che la sottovalutato e la percorrono senza la dovuta attenzione senza usare le assicurazioni necessarie. Gli incidenti in montagna non sono causati né dalla montagna e né da chi ha realizzato e progettato le ferrate, sono dovuti alle persone che si approcciano a questi percorsi senza le benché minime sicurezze per la propria vita e a quella degli altri. In fondo è pericoloso attraversare anche la strada se non si fa attenzione.

  4. ferrata molto panoramica… ma lunga ed impegnativa… e come si dimostra basta un nonnulla per procurare incidenti di grossa entità’…. e con la morte…dico bella anzi bellissima la montagna.. ma non sottovalutarla…. basta niente per rimetterci la vita o procurarsi danni fisici tremendi…. UN PENSIERO ALL’ALPINISTA DECEDUTO….

  5. Purtroppo molte zone del sentiero che conduce a valle sono sottovalutate da chi ha provveduto alla posa in opera dei cavi e quindi essendo il sentiero su ghiaino esposto in terrazzamenti molto stretti , è facile ciò possa accadere anche a persone esperte. Spesso mi sono trovato in difficoltà a procedere su cengie dopo aver percorso delle ferrate definite difficili.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here