giovedì 27 Gennaio 2022
4.2 C
Venezia

MORTE FRANCESCA DRI | C'è una ragazza indagata

HomeVenezia cittàMORTE FRANCESCA DRI | C'è una ragazza indagata

VENEZIA | Sviluppi nelle indagini per la morte di Francesca Dri, 23 anni, morta nel sonno a Venezia senza motivi apparenti. All'indomani dell'esecuzione dell'autopsia, si apprende che vi sarebbe una persona indagata per la morte di Francesca. Una sua amica, la stessa con cui la ragazza veneziana ha passato il pomeriggio in cui alla fine è stata male, sarebbe stata iscritta nel registro degli indagati.A.G., 28 anni, vicentina, è l’amica con la quale Francesca Dri ha passato l’ultima sua serata, tra un locale e l’altro.

L'ipotesi accusatoria è quella di scoprire se qualcuno possa aver ceduto a Francesca una qualche sostanza che possa aver combinato una reazione mortale con l'alcol. E, inoltre, se l'assunzione, possa essere ritenuta volontaria o inconsapevole.
A.G., che ha trascorso in sua compagnia le ultime ore serene e allegre di Francesca Dri, potrebbe esserne a conoscenza ed avere le risposte.
Un'informazione fondamentale, a questo punto, arriverà  dai referti tossicologici per mezzo dei quali sarà  possibile stabilire quali sostanze, e in quali quantità , Francesca aveva assimilato quando il suo cuore si è fermato.
Nel frattempo un particolare inquietante si sta facendo strada nelle ipotesi della ricostruzione di quella maledetta serata: secondo alcune dichiarazioni Francesca Dri non stava in piedi nel momento in cui ha incontrato il moroso, qualcuno ha parlato di una Francesca che non si reggeva in piedi con addirittura gli occhi rovesciati. Da qui la decisione di metterla a letto giovedì sera.
Ma se l'autopsia confermerà  che l'orario del decesso è avvenuto venerdì mattina potrebbe significare che se gli amici l'avessero portata in ospedale, o da un altro medico, ci sarebbe stato forse tutto il tempo per salvarla, e Francesca sarebbe ancora qui con noi. Nella scelta di metterla a letto, sperando che la cosa si risolvesse così, ha influito il condizionamento di volere coprire qualcosa o qualcuno?

Monica manin
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[24/10/2012]


titolo: MORTE FRANCESCA DRI | C'è una ragazza indagata
foto: FRANCESCA DRI (REPERTORIO)


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

“Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Lettere

Io vengo saltuariamente a Venezia dove possiedo un mini appartamento comperato 15 anni fa. Amo Venezia la sua storia i suoi scorci e la sua arte. Mi sono riconosciuto in essa essendo discendente da famiglia istro-veneta. Purtroppo negli ultimi anni Venezia...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"