Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
4C
Venezia
mercoledì 03 Marzo 2021
HomesocietàMestre, sfregi e svastiche sul pulmino Anffas

Mestre, sfregi e svastiche sul pulmino Anffas

Mestre, sfregi e svastiche sul pulmino dei disabili Anffas
Che cosa spinge una mano a sfregiare con svastiche, insulti demenziali il pulmino di una associazione di famiglie, l’Anfass di Mestre, che si occupa di ragazzi e persone disabili, cosa spinge quella e altre mani scrivere “down addio”, in una notte di festa e di sballo della ragione?

Cosa non spinge altre mani a fermare questi atti teppistici che si compiono ormai con una disinvoltura straziante, in ogni occasione e in ogni dove, in spregio al rispetto e persino alla pietà, nella notte di Halloween o negli stadi, dove si è preso a calci lo sport e colpito al cuore la civiltà e la storia, con le magliette fatte indossare ad Anna Frank, ignara protagonista di una storia di cui ci vergogniamo, ma forse non abbastanza.

Un miscuglio di adesivi e di ignoranza, di sfrontatezza e incoscienza traballa sulle coscienze di una società che ormai ci fa sopportare tutto, che non cessa di stupire e riproporre fatti detestabili: di questi giorni, anche le svastiche a offendere il Monumento dei caduti a Olmo di Maerne, che non indigna abbastanza e a sufficienza quel mondo (il nostro?) che assiste allibito a quanto tutti i santi giorni ci viene raccontato.

Il pullmino dell’Anfass vilipeso conduce i ragazzi del gruppo “Girasoli giovani” a svolgere i tirocini sociali, gli ignoti deturpatori, non sanno, non conoscono, forse nessuno ha spiegato loro la grandezza, il sacrificio, la lotta quotidiana delle famiglie, delle madri soprattutto, che si occupano dei loro figli svantaggiati per dare loro la possibilità di crescere con la speranza di un domani possibile.

Le scritte in nero hanno cancellato la targa del pulmino e la presidente dell’Anffas Graziella Lazzari Peroni, ha commentato amaramente l’accaduto, che oltre fatto morale, ha danneggiato economicamente l’associazione. Il pulmino era stato appena rimesso a posto con una spesa di 800 euro, ma anche l’anno scorso lo stesso mezzo è stato preso a bersaglio con uova e farina.

I ragazzi al lavoro ci sono andati ugualmente, li ha portati la presidente con la sua automobile, un po’ per volta e in più giri, e se la targa fosse stata visibile, i “suoi” ragazzi li avrebbe fatti girare per Mestre e dintorni a bordo del pulmino sfregiato, in modo che tutti avessero avuto modo di vedere, di pensare, di capire come rimediare a questo stato di cose.

Il confine ipnotico dello spregio come espressione oggi rivelata frequentemente dai giovani nelle notti “brave”, non può essere lasciato a sé stesso. Se troveranno questi ragazzi, o adulti, non si sa, probabilmente neanche sanno il perché del loro comportamento.

Ci hanno dormito sopra dopo l’accaduto, ma a svegliarli e renderli responsabili di quei comportamenti dovrebbe essere un mondo adulto fatto i famiglia, scuola, relazioni sociali che sappia intercettare i motivi della violenza, sempre più grave e odiosa quando colpisce persone fragili e indifese.

Più che di parole, a fiumi sull’ormai famoso educatore facebook, che tutto sa e traduce, c’è bisogno di informare, di invitare ad osservare le persone vive, che si muovono per strada, che faticano a tirare avanti: scrutarle per davvero, non alla spicciola attraverso il cellulare o i social, così chiamati impropriamente.

L’unica speranza di cambiamento sono loro, i giovani, che hanno bisogno di una guida adulta autorevole che li aiuti a capire la vita, ad immedesimarsi negli altri. Non è sufficiente aprire le braccia in segno di resa o di auspicare al carcere per i deturpatori, è urgente lavorare sulla conoscenza e sulla responsabilità, che tutti, ma davvero tutti ci accomuna.

Quando dei sedicenni arrivano al pronto soccorso per coma etilico si comprende che la misura è colma e rinforza la domanda di interventi educativi.

Andreina Corso

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.