COMMENTA QUESTO FATTO
 

maurizio lastrico teatro corso mestre LARGE

L’endecasillabo, praticamente, è come se lo avesse inventato lui, perchè non se ne sentiva parlare da decenni. E’ l’esercizio forse più difficile per il poeta: il verso nel quale l’accento principale si trova sulla decima sillaba metrica, ma lui ne ha fatto un’arte.

Maurizio Lastrico ha scoperto la sua popolarità grazie a Zelig, ma dietro il personaggio c’è una grossa preparazione teatrale. Lastrico è attore teatrale, autore, e cabarettista. Si è diplomato nel 2006 alla Scuola di Recitazione del Teatro Stabile di Genova, e ha recitato in numerosi spettacoli teatrali, prodotti da teatri stabili o compagnie private, girando l’Italia in tournée. Dal 2009 ad oggi da Zelig non l’hanno più fatto andar via, ha scritto un libro, ha girato i teatri e le piazze d’Italia con i suoi spettacoli di cabaret.

Maurizio Lastrico arriva a Mestre con i suoi celebri endecasillabi danteschi e porterà in scena sabato 17 gennaio (ore 21.15) lo spettacolo “QUELLO CHE PARLA STRANO”, una performance rigorosamente in versi, originale e fantasiosa, che passa dal tono aulico a quello popolare, in grado di mescolare i linguaggi di bar e locali, oratori parrocchiali e teatri stabili.

Lastrico ripercorre il meglio del suo repertorio, raccontando con ironia di incidenti quotidiani e della sfortuna sempre pronta a mettere lo zampino nella vita di tutti i giorni. Storie condensate, immediate, senza pause, in grado di generare un gioco comico di grande impatto e divertimento.

Lo spettacolo è parte del cartellone di TEATRO IN CORSO 2014-2015, il progetto curato da Ad Arte e Dal Vivo S.r.l.

Biglietti: platea e galleria € 20,00

MAURIZIO LASTRICO
Quello che parla strano
di e con Maurizio Lastrico
Sabato 17 gennaio, al Teatro Corso di Mestre

PREVENDITE
Biglietteria Teatro Corso presso PUNTOPREVENDITA c/o IMG CINEMAS Piazza Candiani – Mestre, dal lunedì al sabato dalle ore 16:00 alle 19:30

Paolo Pradolin

[14/01/2015]

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here