7.3 C
Venezia
domenica 24 Gennaio 2021

Luna Nera: luce e buio solo per le donne del ‘600?

Home Libri, recensioni e nuove uscite Luna Nera: luce e buio solo per le donne del '600?
sponsor

luna nera netflix

sponsor

 

commercial

Tremate tremate, le streghe sono tornate. Si cantilenava un tempo. Nel frattempo serie tv e cinema hanno sdoganato la figura, mostrandoci quanto il più delle volte quelli che venivano considerati atti di stregoneria pura, non erano altro che ribellioni di donne forti che volevano emanciparsi prima del tempo e l’uomo (ma anche molte donne stesse) per rimetterle al loro posto, le accusavano di fare sortilegi. Quando andava bene c’era l’esilio, quando andava male c’era il rogo.

A parlare proprio di questo argomento è la nuova saga di Tiziana Triana, Luna Nera – Le città perdute, edito da Sonzogno che a fine gennaio vedremo trasposta nei nostri schermi grazie a Netflix tutto diretto da donne.

Italia, campagna laziale, Diciassettesimo secolo. La giovane Adelaide (Ade), sedici anni, corre e tiene per mano suo fratello Valente, che è ancora un bambino. Deve fuggire da Torre Rossa e dalla casa in cui è cresciuta, perché l’accusa che le pende sulla testa porta dritta al rogo: stregoneria. Nel folto del bosco si nasconde un gruppo di donne che si sussurra pratichino la magia nera. Nessuno sa chi siano né da dove vengano; reclutano e proteggono ragazze come Ade, che la comunità ha messo al bando. È qui – in un mondo di sole donne, ciascuna delle quali ha una misteriosa avventura alle spalle e porta il nome di un’antica città scomparsa – che Ade e il suo fratellino trovano rifugio: saranno iniziati alle arti del gruppo e ai loro segreti rituali, nell’attesa, trepida e inquieta, che si compia la grande Profezia. A questa comunità femminile in odore di stregoneria danno una caccia spietata i Benandanti, una congrega di uomini forti con un solo nemico, le streghe, e un potente sostenitore, la Chiesa cattolica; credono che quelle donne nei boschi siano una terribile minaccia, e sono decisi a sterminarle. Tutti, meno uno: Pietro, il figlio del capo dei Benandanti, che non crede alle superstizioni e, soprattutto, si è innamorato di Ade dal primo momento in cui l’ha vista. Quando scoppierà la battaglia finale tra questi nemici giurati, si scoprirà quanto labile sia il confine tra realtà e magia, tra falsità e conoscenza, e perfino tra maschile e femminile. E quanto, nella vita, l’incantesimo più difficile di tutti resti ancora quello di crescere.

Non fermatevi all’apparenza: Luna Nera è molto di più di un teen drama sulle streghe con magia ed incantesimi. Triana ci regala un’opera che parla molto di più delle donne, della situazione femminile in Italia all’epoca, ma con dei spaventosi parallelismi dei giorni d’oggi.
Le sue streghe non sono fattucchiere come ce le immagino, sono semplicemente donne che hanno deciso di far sentire la loro voce, di studiare, di diventare in qualche modo scienziate per trovare il loro posto nel mondo. Scontrandosi con una società fortemente credulona, dove le donne sono considerate poco più di oggetti d’arredamento, ecco che allora il conflitto è assolutamente inevitabile.

La società della campagna italiana del ‘600 descritta dall’autrice, spaventa ad un lettore contemporaneo, perché vede riflessa parte del pensiero attuale. Paura, crisi, il bisogno di incolpare qualcuno, trasformarsi da esseri umani in mostri cercando qualcuno da incolpare, fake news sotto forma di voci, credenze, sono gli elementi che connotano il racconto, tanto quanto la nostra attuale esistenza. Ecco che allora, nella ricerca di un capro espiatorio, nel ‘600 la donna diventa il simbolo perfetto, in quanto unica a non avere gli stessi diritti degli uomini, diventa quindi il simbolo perfetto contro cui riversare tutta la bile che i paesani impauriti ed ignoranti hanno.

Tra questi paesani, però, c’è Pietro che torna dalla città, torna dopo essere entrato in contatto con lo studio e altre realtà ed è per questo che non si rivede più in quella cittadina e in quelle persone che lo hanno cresciuto. Triana pone parecchia attenzione al connubio ignoranza e conoscenza, facendo arrivare il messaggio che le cose che non si conoscono e fanno paura, possono essere sconfitte dalla conoscenza. Per niente Dante diceva: fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza. La domanda che, mentre leggiamo ci poniamo è dunque: vogliamo essere bruti o iniziare a seguire la via della conoscenza, aggirando le superstizioni?

Luna Nera è un primo capitolo intelligente e coinvolgente, che ti fa venire voglia di avere già tra le mani il secondo capitolo.

Sara Prian
Riproduzione vietata

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...
commercial

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...
sponsor

Esplode la casa, morti due anziani. Forse colpa perdita Gpl dello stabile

Padova, San Giorgio in Bosco, teatro della tragedia di questa mattina legata agli impianti di riscaldamento. A causa dello scoppio e conseguente incendio nell'appartamento, due...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Morte della donna dimessa a piedi dal pronto soccorso, partite le indagini

Ci saranno minuziose indagini conseguentemente al decesso di Fabiana Carone, la povera donna di 52 anni morta dopo aver fatto rientro al proprio domicilio...

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...
commercial

Venezia deserta per il Covid, ecco Rialto di domenica [VIDEO]

Venezia deserta per il Covid, con un video vi mostriamo la zona di Rialto oggi pomeriggio, domenica 17 gennaio 2021. Sono immagini tristi e nel...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Coronavirus a Venezia arretra. Addio a madre e figlio di Cavallino-Treporti

Coronavirus a Venezia che mostra un arretramento, come un'onda di marea che si ritrae, sperando definitivamente. 135 nuovi casi in 24 ore: un numero significativo,...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.