martedì 18 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

Linda Pani, Angelo del Carnevale di Venezia, pronta a volare su Piazza San Marco. L’intervista

HomeCarnevale di VeneziaLinda Pani, Angelo del Carnevale di Venezia, pronta a volare su Piazza San Marco. L'intervista

Maria Linda Pani Angelo Carnevale 2020

Linda Pani, Maria vincitrice dello scorso Carnevale di Venezia, quest’anno vestirà i panni dell’Angelo per scendere dal campanile dopodomani, domenica 16 febbraio.

Linda sei pronta a scendere dal campanile come Angelo 2020?

Guarda non vedo l’ora, è una cosa che desidero da quando son piccola, mi sento “nata pronta”.

Non ti fa paura l’altezza?

No, assolutamente, anzi sono un’amante dell’altezza, dei luoghi panoramici, delle giostre adrenaliniche. Non vedo l’ora di vivere quest’esperienza.

Come hai vissuto quest’anno?

Molto intensamente, quest’anno è proprio “volato” per restare in argomento, è stato breve ma intenso, vorrei quasi tornare indietro per rivivere tutto. Ho vissuto il momento e mi sono goduta ogni cosa, dalle cose più semplici alle più “cariche”, è stato bellissimo.

Hai qualche consiglio da dare alle nuove Marie?

Sì, quello di non perdere assolutamente la loro autenticità: io sono esattamente così, come appaio, e devono fare anche dei loro difetti delle carte vincenti. Devono mantenere la loro “essenza” e rimanere semplici, eleganti, avere portamento, tutte quelle caratteristiche che una Maria deve incarnare. A parer mio devono assolutamente vivere questa esperienza con il massimo della serenità.

Qualche progetto futuro?

Da un anno e mezzo sto studiando recitazione a Roma, mi sono trasferita lì perché mi piacerebbe fare l’attrice e la conduttrice televisiva. Sto inseguendo questo sogno e parallelamente ho trascorso quest’anno da Maria: un 2019 intenso anche a livello emotivo perché sto imparando a gestire le mie emozioni, a farne bagaglio, ad utilizzarle nel modo giusto. Spero che tutti i sogni si realizzino, che il volo sia un inizio, l’apertura del Carnevale e un momento di gioia, per chi lo vede e anche per me.

Il ricordo più bello del Carnevale dell’anno scorso?

Sicuramente la sera in cui sono stata eletta. C’è una curiosità: durante tutto il Carnevale 2019 c’è sempre stato il sole, delle bellissime giornate abbastanza calde. La pioggia però, mi ha sempre portato fortuna, e la sera in cui c’è stata l’elezione della Maria dell’anno piovigginava: questo ha fatto sì che crescesse in me ancora di più la speranza di poter essere eletta, anche se non ci credevo fino in fondo, ci speravo. L’emozione di vincere poi è stata immensa, e quando ti rendi conto di cos’è la felicità, quando la provi sulla pelle, è un momento indelebile.

Un altro momento intenso è stato il corteo: il primo giorno da Marie, trasportate sulle portantine dai ragazzi. L’entrata in Piazza San Marco è stata energia, elettricità pura. E’ stato un altro grandissimo momento di gioia che mi è rimasto nel cuore e non dimenticherò mai.

Se dovessi invitare gli spettatori a venire al Carnevale al volo di domenica?

Il Carnevale di quest’anno ha un tema molto interessante, il gioco, l’amore e la follia, il più azzeccato per Venezia in questo momento, mostra quanto la passione, la forza, l’amore di questa città sia più forte di qualsiasi catastrofe naturale dopo l’acqua granda di novembre.

Carnevale è gioco, lo ritengo il periodo più bello dell’anno perché in realtà non è il momento in cui si mettono le maschere, ma si tolgono. Consiglio di venire al Carnevale perché è un momento meraviglioso e già quando si arriva a Venezia l’aria profuma diversamente dal solito, quindi chi non c’è stato deve assolutamente visitarla.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Porto off-shore: tempi lunghi e incertezza sulla crocieristica

Le 11 proposte per il concorso di idee del porto Off-shore di Venezia arrivate all’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Settentrionale sono state accolte con ottimismo. C’è chi ha letto in questa nutrita partecipazione un inaspettato interesse per Venezia ma in...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...